0.8 C
Milano
17. 01. 2021 07:49

Se le aziende fanno bella Milano: i voti del #Fantamunicipio n.11

Nuovo appuntamento con il FantaMunicipio: focus su nuovi interventi di urbanistica

Più letti

Covid, panico per la nuova variante brasiliana. Pregliasco: «Ogni variante inquieta, veloci con i vaccini»

Dopo la variante inglese e quella sudafricana, una nuova mutazione del virus preoccupa l'opinione pubblica: si tratta della versione...

Bollettino regionale, riprende la lenta discesa delle terapie intensive: Milano, +365 contagi

I positivi riscontrati nelle ultime 24 ore sono 2.134, di cui 114 “deboli”, con la percentuale tra tamponi eseguiti...

I dubbi del Dpcm: è possibile andare nelle seconde case fuori Regione?

Uno dei principali dubbi del Dpcm appena entrato in vigore resta la possibilità di raggiungere le seconde case. È...

La collaborazione pubblico/privato è sempre stata una caratteristica fondamentale della nostra città e questa tendenza, grazie alle semplificazioni adottate dal Comune per l’accesso alle diverse forme di supporto, si è estesa ulteriormente nell’ultimo anno.

È notizia recente che due colossi come Fineco e Mapei abbiano deciso di offrire una dimostrazione di cura nei confronti della città adottando porzioni di verde da tempo in sofferenza. Partiamo dunque dal Municipio 1, con il lungo percorso da corso Como a corso Garibaldi, fino al Municipio 9 con un pezzo dello spartitraffico di viale Jenner. Con la speranza che questo prima tappa possa, poi, estendersi fino a viale Marche e viale Lunigiana.

Municipio 1

Ulivi secolari in centro – Voto 7,5

Partiti, dopo gli annunci, i lavori di riqualificazione per le aiuole di corso Como, largo La Foppa e corso Garibaldi. L’intervento, realizzato da Fineco nell’ambito del progetto Cura e adotta il verde pubblico, prevede una manutenzione costante nell’arco di tre anni e l’inserimento di graminacee ornamentali e ulivi secolari. Un appello a Fineco: per un intervento (encomiabile) in centro, uno in periferia. Il giardinetto di piazza Durante, dove è aperta una loro sede, non disdegnerebbe.

Municipio 2

Popoli Uniti, angolo in disuso – Voto 7,5

Il triangolo di via Popoli Uniti/Aporti, terreno del Comune di Milano da tempo in disuso e a oggi senza destinazione, potrebbe presto tornare d’attualità. A seguito di un incontro tra Legambiente, il Gruppo FAS e l’assessore Lipparini si sta valutando un riuso di interesse civico e un patto di collaborazione sulla base delle proposte pervenute dai cittadini della zona attorno alla Stazione Centrale. Ma prima due tappe obbligatorie: verifiche, accertamenti formali e un sopralluogo in presenza.

Municipio 3

Il nuovo piazzale Lavater – Voto 8

In questi giorni è stato presentato in commissione al Municipio 3 il progetto relativo alla riqualificazione di piazzale Lavater. È previsto un totale ridisegno dello spazio pubblico con allargamento delle aree pedonali, riduzione dei parcheggi e spostamento dell’area cani (attualmente al centro della piazza). Dieci nuovi alberi e un’elegante pavimentazione in pietra coroneranno il tutto. Un bel modo per coronare l’antico progetto di parcheggio interrato poi naufragato a causa dei comitati cittadini.

Municipio 4

Spiraglio per via Bonfadini – Voto 6,5

L’area degli ex magazzini di commissariato Taliedo è al momento interessata da lavori di bonifica, compreso lo smaltimento di rifiuti contenenti amianto: siamo tra via Bonfadini, con i suoi campi nomadi, via Medici del Vascello, viale Ungheria e Merezzate. L’area è in vendita, con annesso progetto urbanistico in via di approvazione. La dimensione del lotto supera i 50.000 metri quadri, di cui 35.000 destinati a residenza. Ma c’è spazio anche per un parco e un centro sportivo. Tutto in divenire.

Municipio 5

Un’altra scuola viene protetta – Voto 7,5

Sono iniziati ieri i lavori di riqualificazione con nuovo attraversamento pedonale rialzato, realizzazione di aiuole verdi con posa di circa quindici nuovi alberi e pavimentazione in pietra all’incrocio via Brunacci/via Torricelli, a nord di viale Tibaldi e a est rispetto al Naviglio Pavese. L’obiettivo è migliorare lo spazio davanti alla scuola per godere di una maggior sicurezza stradale e di una maggiore vivibilità. Quattro mesi di lavori previsti. Un altro ottimo intervento.

Municipio 6

Piccole notizie sul verde – Voto 7

Il settore verde del Municipio 6 ha rimosso alcuni giochi (datati 2004 e ormai considerati pericolosi) per bambini nel parco pubblico di via Gonin e via Giordani, ma si sta già lavorando a un progetto per dotare l’area di nuove strutture. Fine lavori prevista per il primo trimestre del 2021. Nel frattempo nell’area di urbanistica tattica Tripoli Talks, in piazzale Tripoli, sono arrivati gli alberi in vaso. Un’altra iniziativa di successo, per un angolo (lockdown a parte) molto frequentato dai cittadini.

Municipio 7

Tra Cave e Boscoincittà – Voto 8

Risorse pubbliche per due dei polmoni verdi più importanti della città: le Cave e il Boscoincittà. Per le aree rurali delle Cave è stato stanziato un milione e mezzo di euro fino all’ottobre 2023, mentre altri sei milioni sono stati destinati alla gestione (fino al 2029) di Boscoincittà e Cava Ongari Cerutti. Un piccolo grande tassello per la valorizzazione del futuro Parco Metropolitano, in attesa dei lavori da cinque milioni che il prossimo anno interesseranno il parco per nuovi percorsi ciclo-pedonali e per gli arredi.

Municipio 8

Via Val Lagarina va… a 30 – Voto 7

Sono partiti i primissimi lavori per la realizzazione della zona 30 in via Val Lagarina, a nord di Vialba. Prevista la tracciatura della segnaletica orizzontale nei pressi dell’istituto scolastico del civico 44, la segnaletica di divieto di sosta in via Val Malenco lato est e la tracciatura della sosta a lisca di pesce e realizzazione di nuovi attraversamenti pedonali con scivoli in via Val Lagarina nei pressi della scuola al civico 26/A. Successivamente, nel piazzale adiacente, via a un altro progetto di urbanistica tattica.

Municipio 9

Si sistema un pezzo di Jenner – Voto 8

L’azienda Mapei, attraverso un contratto di sponsorizzazione tecnica nell’ambito del progetto Cura e adotta il verde pubblico, rigenererà 42 metri dello spartitraffico (che per molti anni hanno ospitato un impianto dell’acqua) di viale Jenner nel tratto iniziale da piazzale Maciachini. Il progetto, a cura dell’architetto paesaggista Franco Giorgetta, prevede un disegno geometrico mediante l’impiego di erbe dai colori differenti e tre fontane a zampillo. Avvio a brevissimo, lavori per sessanta giorni.

In breve

Milano, la zona rossa non ferma la protesta: gli studenti occupano il liceo Vittorini

Non c'è pace per gli studenti a Milano. La zona rossa ha spento le speranze suscitate dall'ultima sentenza del...

Potrebbe interessarti