28.5 C
Milano
23. 06. 2021 14:34

Se adesso torna la fiducia: i voti del Fantamunicipio #33

Trentatreesimo appuntamento con il FantaMunicipio, che entra nella sua fase clou: si può ancora sognare?

Più letti

Milano guarda al futuro con fiducia. Questa settimana parliamo di un interesse sempre crescente per la Galleria: anche la prestigiosa Sala dell’Orologio, i piani alti e l’ex diurno Cobianchi sono entrati nel mirino di alcuni importanti marchi e imprenditori.

Ma non è solo il centro a catalizzare le attenzioni: grazie a un bando comunale sorgeranno quattordici nuove realtà imprenditoriali (da aggiungere alle otto già finanziate) nel quartiere Lorenteggio-Giambellino, pronte a far vivere maggiormente una zona talvolta associata solo alle case popolari.

Municipio 1
Interesse per la Galleria
Voto 7,5

Torna l’interesse per la Galleria, bel segnale per la città. Cinque gli operatori che hanno presentato offerte al bando per l’assegnazione in concessione di altrettanti storici lotti del complesso monumentale. Tra i marchi interessati alla gara, che ora passa alla fase successiva con l’esame delle offerte economiche, spiccano la Felix di Carlo Cracco e i marchi Chanel e Damiani. La prestigiosa Sala dell’Orologio con relativo terrazzo, i piani alti e l’ex diurno Cobianchi torneranno a nuova vita?

Municipio 2
Il patto per via Mosso
Voto 7,5

È stato firmato oggi negli scorsi giorni un patto di collaborazione tra Comune, realtà locali e abitanti del quartiere per far rivivere il giardino recintato di via Mosso angolo via Padova, spazio “di cerniera” tra il territorio e il parco Trotter situato davanti all’I.C.S. Giacosa e vicino al futuro punto di comunità nell’ex-convitto. L’obiettivo è creare un palinsesto culturale e sociale adatto a giovani e meno giovani. Nel frattempo a breve distanza sono partiti i lavori in via Padova all’altezza di via Anacreonte.

Municipio 3
Nei dintorni del Lambro
Voto 8

Una nuova porta d’accesso verde al parco Lambro grazie a un percorso ciclopedonale, una nuova piazza alberata e un progetto di social housing da 360 unità abitative al posto di una sottoutilizzata area di parcheggio: questo il cuore di Green Between Tessiture Urbane, vincitore per il sito di Crescenzago della seconda edizione del bando internazionale Reinventing Cities. Un piano ambizioso che si inserisce perfettamente nel solco del progetto ReLambro e del recupero delle aree private di via Rizzoli.

Municipio 4
Riqualificare le ex fabbriche
Voto 7,5

Un piano per migliorare la zona sud-est di Milano partendo dai suoi ex poli produttivi: questo il senso di Fabbrica di Quartiere, il progetto di riqualificazione presentato negli scorsi giorni da Politecnico e Iulm. Alla ricerca hanno partecipato anche imprese e istituzioni pubbliche e private (come Conservatorio e Fastweb). I quartieri interessati sono Corvetto, Calvairate, Ortomercato, Rogoredo, Santa Giulia e Mecenate. La meta è arrivare alla realizzazione di interventi sostenibili per la qualità degli spazi.

Municipio 5
Una vicenda giudiziaria assurda
Voto 6

Dopo sei anni e ventisei pronunciamenti da parte dei tribunali, il Comune ha messo a segno un altro punto nella travagliata vicenda giudiziaria riguardante gli abusi edilizi dell’immobile di via Isimbardi 31. Lo stabile, un tempo adibito a laboratorio, era stato trasformato attraverso interventi illeciti in piccoli appartamenti privi dei requisiti di abitabilità affittati prevalentemente a studenti e ampliato con opere che avevano compromesso l’utilizzo dei parcheggi sotterranei. Ma servono più poteri contro questi abusi.

Municipio 6
Lorenteggio d’economia
Voto 7,5

Dopo l’avvio della riqualificazione urbanistica parte anche il rilancio commerciale del Giambellino-Lorenteggio. Sono infatti quattordici (su trentuno) i nuovi progetti imprenditoriali e di servizi che prenderanno vita nel quartiere in autunno grazie al sostegno del Comune, con un bando da 1,2 milioni di euro a fondo perduto. Tra le realtà un laboratorio di strumenti musicali, una libreria, una lavanderia smart, una rosticceria e servizi educativi. Si aggiungono alle altre otto imprese già finanziate in passato.

Municipio 7
Il nuovo giardino pubblico
Voto 8,5

Per l’ex scuola di via Cabella, abbandonata da quasi vent’anni, l’azienda italiana che detiene la proprietà dell’area aveva presentato un progetto per demolire il rudere, rimuovere l’amianto e realizzare un nuovo punto vendita. A seguito di un incontro pubblico con il quartiere il progetto è stato modificato: parcheggi in superficie ridotti dell’80% e area verde triplicata. Il risultato sarà un nuovo giardino pubblico di oltre 1.500 metri quadri con panchine e un’area giochi per bambini. Entro l’estate al via i lavori di bonifica.

Municipio 8
Quegli oneri da CityLife
Voto 8

La nuova variante approvata per CityLife dalla Giunta redistribuisce i volumi concentrandoli nel progetto vincitore del concorso che ha previsto di realizzare il Portico. Nella delibera viene anche indicata la destinazione della parte rimanente degli oneri generati dal progetto: manutenzione e completamento del Monte Stella, case popolari, rifacimento degli impianti sportivi di via Washington e via Iseo e il progetto di arte pubblica Artline.

Municipio 9
Dergano e dintorni
Voto 8

Mentre sono da poco conclusi i lavori di riqualificazione di piazza Schiavone alla Bovisa, proseguono quelli (poco lontani) in zona Dergano: sbirciando tra un cantiere e l’altro, via Guerzoni appare bella e ordinata come non mai. Ma i lavori interesseranno anche un tratto di via Ciaia, via Bruni, tutta piazza Dergano, via Brivio, via Conte Verde e via dei Carafa. Un progetto ambizioso e notevole, che regalerà a tutta la città una nuova (vissuta) centralità. Molto bene.

 

In breve

A Milano una via dedicata all’inventore dell’Amuchina

Domani, giovedì 24 giugno, nel quartiere Ortica di Milano verrà intitolata una via ad Oronzio De Nora, ingegnere industriale...