18.5 C
Milano
12. 05. 2021 19:40

Un’altra vittima della pandemia: i voti del Fantamunicipio #23

Ventitreesimo appuntamento con il FantaMunicipio: Milano, senza cultura si muore

Più letti

Milano è arte, musica, cinema, teatro, letteratura e ogni forma espressiva e identitaria. La notizia della chiusura dell’ormai storico Ligera, a causa delle difficoltà economiche accentuate dall’emergenza sanitaria, arriva a cielo non sereno ed è un duro colpo per una strada come via Padova di cui era un punto di riferimento.

Per un posto che chiude, un altro scalpita per riaprire. È il delizioso Spazio Teatro No’hma a due passi da piazza Piola, che addirittura rilancia sponsorizzando la riqualificazione del giardino della piazza connettendola virtualmente al teatro. Certi luoghi mancano quasi visceralmente solo quando ti accorgi che non puoi usufruirne: facciamo in modo che non ricapiti più.

Municipio 1
Castello, si parte a giugno
Voto 7,5

I lavori per la riqualificazione di piazza Castello sono stati aggiudicati: a giugno, se tutto va bene e se gli altri passaggi tecnici da espletare fileranno lisci, si parte con gli attesi lavori. Il progetto prevede come primo lotto l’area di piazza Castello e via Beltrami e solo in un secondo momento largo Cairoli. Piccole modifiche previste dalla Sovrintendenza: più alberi (da 130 a 184) e pavimentazione in granito e beola al posto del calcestre. 5,2 i milioni di euro l’importo del primo step.

Municipio 2
Chiude per sempre il Ligera
Voto 5,5

Milano saluta il Ligera, ormai storico locale e cuore culturale di via Padova. La musica è finita e gli amici se ne vanno, scrivono i gestori su Facebook. La pandemia li ha uccisi definitivamente, ma a perdere è soprattutto la strada multietnica di Milano per eccellenza: qui, per quasi quindici anni, dj set, presentazioni di libri, teatro, musica underground, cineforum e altre attività culturali. Milano ha bisogno di posti come questo: Milano ha bisogno di non perdere la verve culturale che l’ha sempre contraddistinta.

Municipio 3
Piazza Piola nel segno del teatro
Voto 7,5

Il giardino di piazza Piola promette di diventare uno dei più belli della città. Lo Spazio Teatro NO’HMA Teresa Pomodoro, nell’ambito di Cura e adotta il verde pubblico, ha sponsorizzato la riqualificazione dell’area verde centrale: previsti ventuno alberi di ciliegio, undici panche in granito rosa, un nuovo percorso pedonale a forma di goccia e opere dello scultore Kengiro Azuma. Fine lavori in primavera. Unica nota stonata: urge migliorare i collegamenti pedonali tra il giardino e le altre vie adiacenti.

Municipio 4
Piazza Angilberto, tocca a te
Voto 8,5

Dopo piazza Dergano, primo esperimento di urbanistica tattica in città, è la volta della sistemazione definitiva per piazza Angilberto II al Corvetto. L’intervento sarà diviso in due fasi: la prima, che proseguirà fino a metà agosto, prevede l’inserimento di alberi, arbusti e aiuole a raso e la messa in quota e allargamento marciapiedi in via Comacchio. La seconda avrà inizio a metà luglio e prevede ulteriori interventi per proteggere dal traffico la scuola primaria Fabio Filzi di via Ravenna.

Municipio 5
La roggia per riscaldare
Voto 7

Parte dal Municipio 5 un affascinante progetto finanziato anche dall’Europa: si tratta di un teleriscaldamento innovativo, capace di sfruttare la roggia Vettabbia che passa sotto via Castelbarco, per riscaldare la sede di via Tibaldi, la scuola dell’infanzia di via Giambologna e un condominio tra via Balilla e via Zamenhof. Il cronoprogramma di A2A è serrato: si conta di avere tutto pronto per aprile 2022. La sperimentazione, in caso di successo, potrebbe essere replicata altrove.

Municipio 6 
La ricicleria dove nulla cambia
Voto 5

La trama di questo film sa di visto e rivisto, e la pandemia non fa da eccezione: rom appostati fuori dalla ricicleria di piazzale delle Milizie per farsi consegnare materiali elettronici che, per legge, dovrebbero essere smaltiti negli appositi cassonetti. Il risultato? Rifiuti visibili al di fuori dell’area recintata, con degrado e inquinamento ambientale a danno dei residenti. Amsa e la squadra scarichi abusivi sono presenti, ma non basta: la Polizia Locale passa e se ne va, e tutto torna al punto di partenza.

Municipio 7
La sicurezza prima di tutto
Voto 8

Sono appena partiti i lavori per il nuovo semaforo all’incrocio tra via Cusago, via Romero e via Val d’Intelvi, zona Baggio. Un incrocio pericoloso con molti incidenti, segnalato come priorità anche dal Municipio, che verrà finalmente messo in sicurezza. È uno degli interventi propedeutici alla realizzazione della zona 30 nel quartiere. Nel corso del 2021 seguiranno altri interventi in fondo a via Forze Armate e in via Colla, poi in piazza Ambrosoli, in via Buonarroti, via Fratelli Zoia e a Quarto Cagnino.

Municipio 8
La Viscontini fa sognare
Voto 7,5

Procedono i lavori per la nuova scuola Viscontini, zona Trenno. Negli scorsi giorni il presidente di Municipio Zambelli ha fatto un sopralluogo in compagnia dell’assessore Limonta: sarà una scuola in bioedilizia, ampia, con laboratori, palestra, biblioteca e auditorium. Con spazi anche a beneficio del quartiere. Ed è proprio a favore del quartiere che a breve si organizzerà un incontro pubblico con i dettagli dell’inaugurazione. Si attende anche per le scuole Brocchi e Magreglio.

Municipio 9
Il centro di Affori si fa bello
Voto 7,5

Continuano i lavori per l’ampliamento del parco di Villa Litta e per la ristrutturazione della Chiesetta degli Appestati, trasformando un angolo abbandonato in uno spazio vivo. Negli scorsi giorni, sempre ad Affori, l’area tecnica del Comune ha fatto un sopralluogo (su proposta del consigliere Gesmundo) in piazza Santa Giustina in previsione della riqualificazione della pavimentazione prevista per fine marzo. Il centro di Affori, uno dei tanti borghi della vecchia Milano, si fa sempre più bello.

In breve

Torre Milano, completata la struttura esterna del “grattacielo” della Maggiolina

La Torre Milano, l'edificio di 80 metri composto da 23 piani in via Stresa a Milano, è in fase...