3.9 C
Milano
27. 01. 2023 04:23

Immaginate Harry e Meghan a Milano? Sei locali lontani da occhi indiscreti

Metti una fuga della coppia a Milano. Dove potrebbero andare a cena?

Più letti

Occhiali neri sul viso, sguardo basso. I paparazzi sono dappertutto. Certo, Harry e Meghan non sono abituati a nascondersi nelle loro mura dorate. Amano mescolarsi con la gente, vivere a stretto contatto con il mondo. Lo esplorano, lo vogliono conoscere a fondo, da vicino. Immaginatevi quindi che la loro voglia di viaggiare li spinga fino al cercare locali a Milano.

Un giro tra i monumenti della città, qualche acquisto nelle vie del Quadrilatero della moda e una passeggiata nel centro storico sotto la nebbiolina meneghina. Arriva la sera e le luci oltrepassano quella coltre argentata come stelle coraggiose che osano raggiungere la terra e illuminano l’imbrunire. La sera cala e arriva con essa anche l’appetito. Dove potrebbero andare a cena Harry e Meghan a Milano? Ecco consigliati posti capaci di rispettare sì la privacy, ma di deliziare anche palato e anima. Una lista per loro, ma anche per voi, golosi lettori.

Harry e Meghan a Milano, i locali lontani da occhi indiscreti

Harry e Meghan a Milano, Ratanà ed Erba Brusca: dal bosco verticale all’orto

Ci sono posti a Milano capaci di lasciare il segno. Uno di questi è senza dubbio Ratanà che sorge in una minuscola stazione di posta all’ombra del bosco verticale, in via Gaetano de Castillia 28. Una pennellata di antico, nel bel mezzo dell’universo futurista che è il quartiere di Porta Nuova. In cucina c’è lo chef Cesare Battisti che vi saprà coccolare con piatti che vi riporteranno subito a casa. A partire dal confortevole Cartoccio di mondeghili per continuare con gli splendidi risotti e il pesce di lago preparato alla perfezione (02.87.12.88.55).

harry e megan

Se invece volete allontanarvi un po’ dal centro, potete provare Erba Brusca, il ristorante che sorge in mezzo a un orto, in via Alzaia Naviglio Pavese 286. Verde dappertutto. In cucina il sorriso e la maestria di Alice Delcourt che vi conquisterà con la sua cucina vegetale, ma non solo. In carta troverete piatti come il risotto ai porri brasati e bruciati, limone, pepe rosa, burro al miele e aceto di mele, ma anche una splendida Tartare di daino, salsa rafano e crauti. Non solo un viaggio appena fuori dal centro cittadino, ma a spasso per il mondo (351.51.66.021).

harry e megan

Harry e Meghan a Milano, con Aimo e Nadia e Contraste non si sbaglia

Harry e Meghan, però, potrebbero richiedere per la loro cena milanese qualche stella nel piatto. Il Luogo di Aimo e Nadia potrebbe essere quindi una grandiosa idea. Un’insegna storica che da 60 anni in via Montecuccoli 6 illumina il panorama della ristorazione italiana d’autore. In cucina, dal 2012, ci sono Alessandro Negrini e Fabio Pisani, che – insieme a Stefania Moroni, figlia dei fondatori – proseguono il percorso iniziato da Aimo e Nadia.

harry e meganPortano avanti la filosofia di cucina che vede l’ingrediente al centro, la materia prima che si fa memoria e fil rouge diretto al futuro. Qualora poi i due consorti volessero ancora maggior privacy, potrebbero optare per il Theatrum dei sapori che è un luogo nel luogo. Uno spazio annesso al ristorante che ospita una cucina aperta con due grandi tavoli in legno per gli ospiti. Un modo per godere della cucina stellata, in un ambiente molto privato che fa sentire a casa (02.41.68.869).

harry e meganE sempre in una casa sì, ma un po’ folle, è come ci si sente da Contraste, in via Meda 2. Una porta d’ingresso misteriosa, che conduce a un cortiletto. Si spalanca l’entrata e si apre un mondo. Nasce nel 2015 dalla testa e dal cuore di Matias Perdomo, Simon Press e Thomas Piras. Un paese dei balocchi dove il grande protagonista è sempre il gusto. Un gusto che provoca, stupisce, gioca con le emozioni. Non c’è una carta da cui scegliere i piatti. Il cliente si accomoda, viene studiato e voilà: viene proposta una degustazione apposta per lui. Un viaggio sull’ottovolante del piacere, le papille gustative fanno la ola. Una volta appoggiata l’ultima posata, l’ospite si alza da tavola sorpreso da un’esperienza inattesa (02.49.53.65.97).

Harry e Meghan a Milano, porte nascoste e parole d’ordine da 1930 e White Rabbit

Potrebbe essere che Harry e Meghan abbiano voglia di fare un po’ più tardi del solito. Posti perfetti per loro potrebbero essere quindi gli speakeasy milanesi e secret bar, locali che promettono esperienze esclusive a chi ha modo di entrarci. Certo, per loro questo non sarebbe un problema. Nati negli Stati Uniti nell’era del proibizionismo, quando in seguito alla crisi del 1919 fu dichiarato illegale produrre, commerciare e consumare alcool, questi locali clandestini erano posti di ritrovo per ascoltare musica, socializzare e allentare la tensione magari con qualche bicchierino.harry e megan

In questi seminterrati e retrobottega tutto era di nuovo magicamente consentito. Uno dei nostri preferiti è il 1930. Non si sa l’indirizzo preciso del posto, l’ingresso esclusivo bisogna esserselo guadagnato. L’accesso avviene attraverso un locale che sembra tutto fuorché un bar segreto. Poi qualcosa accade, una “porta” si apre e viene svelato un mondo. Luci soffuse, mattoni a vista, arredamento tipico dell’epoca. Un viaggio meraviglioso attraverso il tempo. A differenza del 1930, invece, del White Rabbit si conoscono le coordinate.

Si trova a Isola – in via Garigliano 4 – e si accede tramite una parola d’ordine che si ottiene risolvendo un indovinello (che cambia ogni mese). Il locale si trova dietro a una vetrina che non lascia vedere nulla dell’interno. Luce accesa? Allora potrete provare ad entrare nel locale, ma solo se siete in possesso della parola d’ordine (340.278.12.63).

In breve

FantaMunicipio #17: così le rotonde diventano piazze

Cantieri sempre aperti a Milano dove molte rotonde cambieranno pelle. La notizia della settimana è l'avvio dei cantieri per...