28.3 C
Milano
22. 05. 2022 19:04

Maradona Youssef sbarca a Milano con Mezé: «Ora è tempo di convivialità»

Sbarca in città il bistrot con percorsi tematici di degustazione delle specialità dal Libano

Più letti

Costanza Zanolini, l’imprenditrice gastronomica che ha creato locali di successo come Maido (il primo che ha lanciato a Milano l’okonomiyaki, la “frittata” giapponese ndr), AmuseBouche e Madre affronta una nuova sfida: la cucina libanese. Ha aperto da poco in via Sottocorno, una delle zone milanesi votate al gusto, Mezè. Un bistrot elegante ma informale, con un arredamento colorato e dai toni caldi. Lo chef è Maradona Youssef.

Come nella migliore tradizione libanese, da Mezè il cibo è espressione di convivialità: tanti meze, cioè piattino da condividere con gli altri commensali e commentare insieme. Anima del locale, lo chef libanese ex semifinalista della quinta stagione di Masterchef alla sua prima importante esperienza milanese, che ha ideato un menu a base di piatti della tradizione, reinterpretati in chiave moderna.

Mezè: arriva il Libano a Milano

Oltre ai classici hummus, babaganoush e falafel, tante specialità regionali ancora poco note. Il menu è un vero e proprio itinerario gastronomico che percorre il Libano da nord a sud e dove gli ingredienti locali (otto presidio Slow Food) sono i protagonisti indiscussi. Un’esperienza di totale condivisione del gusto, dove ogni piatto racchiude un aneddoto del folklore libanese che affonda le proprie radici nei secoli passati: il biscotto da gustare a Pasqua in famiglia o la crema preparata in occasione di una nascita.

Mezè propone una chicca inedita: il Saj, pane libanese che assomiglia a una sorta di pita che viene prima adagiato su un cuscino e poi cotto, al momento, su una piastra speciale. Anche la cantina è ben fornita con proposte italiane di qualità, in bottiglia o al calice, e una scelta di vini libanesi.

Talento, gentilezza e amore per le tradizioni: la cucina secondo Maradona Youssef

Maradona Youssef, cosa ti ha spinto a intraprendere l’avventura di Mezè?
«Siamo un trio particolare: una milanese, un napoletano e un libanese. Un ottimo mix di professionalità e caratteri. Costanza ha grande esperienza nel campo della ristorazione, una profonda sensibilità e un innato buongusto: infatti, il locale ha un’impronta contemporanea ma conserva un’anima milanese».
maradona youssefCosa pensi dell’attuale proposta gastronomica milanese?
«Milano è il centro di tutto e il luogo ideale per creare un’attività e farsi un nome. La proposta è vastissima e variegata. Negli ultimi tempi, ho notato che molti ristoranti etnici, ma anche italiani, iniziano a proporre piatti meno standardizzati e convenzionali, e lo trovo molto positivo: solo mostrando il vero volto delle cucine tradizionali è possibile fare cultura».

Ad esempio?
«Mi ha colpito la cucina di Viviana Varese che rispecchia la sua visione cosmopolita del cibo e della vita».

Cosa vorresti comunicare con la tua cucina?
«Da Mezè, voglio proporre i piatti che amo da una vita. Comunicano la mia infanzia eil mio lato più autentico. Ci sono le mie origini ma anche la meraviglia della scoperta della cucina italiana. E poi, mi piace che sia adatta a tutti: vegani, vegetariani e celiaci».

Come racconteresti la cucina libanese a chi non ha mai avuto l’occasione di assaggiarla?
«La cucina libanese è straordinariamente umile ed è di una semplicità disarmante. Ingredienti freschi e facili da trovare, come le verdure: melanzane, peperoni e ceci che si trasformano in piatti ricchi di sapori decisi, grazie alle spezie dalle proprietà disinfettanti e anti-infiammatorie, dosate senza eccessi. Utilizziamo molte salse, composte con materie prime che non subiscono elaborazioni particolari in modo da lasciare che i singoli ingredienti conservino la loro naturalità».

A livello esperienziale?
«Abbiamo vissuto due anni caratterizzati dalla distanza: ora è tempo di tornare a godere dei piaceri della tavola, accanto ai nostri affetti. Da questo punto di vista, la cucina libanese è perfetta, perché è pura convivialità. Alla domenica, nel mio Paese, il pranzo è un rito comunitario e portiamo in tavola una cinquantina di assaggi diversi».

Qual è il tuo primo ricordo legato al cibo?
Ero un bambino e ricordo mia nonna seduta su una sedia di bambù che sgranava il melograno, per preparare la melassa, e mi porgeva questi piccoli frutti rossi».

Cosa rende un ristorante un “buon ristorante”?
«Un luogo in cui si manifesta il gesto d’amore più bello: cucinare per gli altri e non per se stessi. È un atto di grande responsabilità, perché ci facciamo carico della felicità altrui».

C’è qualcosa che non rifaresti o cambieresti della tua partecipazione a Masterchef?
«È passato molto tempo e sono cresciuto, come persona e come professionista. Ogni tanto, capita di rivedere qualche scena ed è naturale notare piccoli errori di gioventù: li prendo comunque con molta leggerezza e… Cerco di riguardarmi il meno possibile!».

Mezé a Milano, le info

DOVE

Via Sottocorno 19/a, Milano

ORARI

Martedì – Domenica
12.00 – 15.00 / 19.00 – 23.30

CONTATTI

338.3470350
02.52809202

MAIL
info@meze-milano.it

SITO
meze-milano.it

FACEBOOK
mezemilano

INSTAGRAM
meze_milano

In breve

Milano, al Giambellino arrivano i lampioni smart contro rifiuti e soste irregolari

Una nuova ed impensabile nuova arma per contrastare i furbetti dei rifiuti: a Milano, per la precisione al Giambellino,...