17.3 C
Milano
27. 10. 2021 18:02

Milano, pasticceria Massari: un viaggio tra dolci belli e cari come gioielli

La pasticceria Massari, vicino al Duomo, offre prelibatezze uniche per il palato, ma occhio al portafogli

Più letti

Dolci buoni, belli e cari come gioielli. Si possono trovare nella pasticceria Massari del celebre Iginio “maestro dei maestri pasticceri” situata in via Marconi all’angolo con piazza Diaz, proprio alle spalle del Duomo di Milano.

La location. La pasticceria è all’interno della filiale di Intesa San Paolo. Gli ingressi sono separati, ma una volta all’interno del locale di Massari è possibile recarsi direttamente agli sportelli Atm. Fa un po’ strano vedere passare cabaret di pasticcini vicino agli sportelli bancomat, ma questo di certo non intacca la qualità dei prodotti offerti.

Dolci buoni, ma cari. Nel locale tutto è moderno, luminoso e dà l’impressione di cura estrema ed eleganza. Le confezioni sono talmente curate da sembrare dei piccoli scrigni contenenti dei gioielli. Ed in fondo le prelibatezze del maestro Massari sono dei veri e propri piccoli gioielli di gusto per il palato.

Oltre per la bellezza estetica e sensoriale i dolci offerti rispecchiano anche i prezzi di certi gioielli. Un piccolo mignon costa 1,50 euro, un macaron 1,80 euro e chi vuole assaporare una delle classiche monoporzioni della pasticceria si prepari a sborsare 7 euro per una semplice fetta di torta.

Ma se si passa alle torte o ai lievitati, come le tradizionali colombe pasquali o i panettoni, i prezzi aumentano: 40 euro per entrambi i prodotti (45 la versione con le gocce di cioccolato). Per quanto riguarda le torte e la pasticceria i prezzi sono intorno ai 55 euro al chilo.

In cima al prezzario il posto d’onore è però occupato da praline e cremini: il costo è di ben 100 euro al chilo. Insomma, una spesa esosa per un gusto che il palato non dimenticherà facilmente.

 

In breve

Start up innovative, un quinto delle italiane è milanese

Start up, l'innovazione parla sempre di più milanese. E' questo il dato che ci suggeriscono le statistiche di ottobre...