18.5 C
Milano
12. 05. 2021 21:47

Ristoranti, lo chef Berton: «Chi rispetta le regole deve lavorare anche di sera»

Anche il noto chef stellato auspica che vengano concesse al più presto le riaperture serali

Più letti

La questione ristoranti è ormai all’ordine del giorno dopo la lettera inviata dal presidente Fontana al governo. Il Cts dal canto suo ha aperto uno spiraglio dichiarando che sta valutando le aperture serali dal 5 marzo. Ad intervenire sulla questione anche lo chef Andrea Berton, patron dell’omonimo ristorante stellato in via Mike Bongiorno a Milano.

Le dichiarazioni. «Perché aprire i ristoranti a pranzo e non a cena? – ha affermato Berton in un’intervista al Corriere -. Le attività che non sono in grado di garantire la sicurezza dei clienti devono restare chiuse. Ma le altre andrebbero lasciate lavorare o nel prossimo futuro avremo solo licenziamenti e saracinesche abbassate».

Andrea Berton

Lo chef è fortemente convinto che si possa riaprire in piena sicurezza anche la sera. «Se venissero effettuate ispezioni a tappeto sulle attività si potrebbe far ripartire davvero quelle in regola – ha aggiunto Berton -: così viviamo un’agonia che non è più sostenibile economicamente. Del resto da un anno a questa parte tantissimi ristoranti hanno investito per garantire una totale sicurezza igienico-sanitaria: conciliando un servizio di altissima qualità alla salvaguardia degli ospiti. Le garanzie per la salute ci sono».

Il problema più grande per i ristoratori resta l’incertezza. «I continui stop and go delle ordinanze hanno indebolito finanziariamente tutte le attività. Ogni volta che riapro dopo un periodo di chiusura – ha ribadito Berton – ho quattro giorni di lavoro di preparazione che rappresentano un costo ingente. Senza poter pianificare non si può andare avanti. E se mai dovesse esserci un’altra chiusura… sarebbe davvero un disastro».

A livello economico la cena sarebbe poi un salvagente per risollevare le sorti di molti locali ormai in apnea. «La cena è essenziale perché si possa ritrovare una semi-normalità – ha concluso Berton -. Il mezzogiorno consente a mala pena di arrivare a coprire le spese vive. Se si continua così, tra un mese bisognerà iniziare a ripensare totalmente il lavoro e l’offerta. Anche perché lo smart working ha fatto diminuire sensibilmente i meeting aziendali che erano una parte considerevole della clientela del pranzo».

In breve

Torre Milano, completata la struttura esterna del “grattacielo” della Maggiolina

La Torre Milano, l'edificio di 80 metri composto da 23 piani in via Stresa a Milano, è in fase...