Besana Brianza
Besana Brianza

La freschezza della gioventù, l’esperienza della maturità: diventa maggiorenne il Festival bandistico internazionale Besana Brianza, la rassegna biennale promossa e organizzata dal 1984 nel comune brianzolo dall’Associazione musicale Santa Cecilia: appuntamento da mercoledì a domenica al Parco di Villa Filippini.

Nato come raduno non competitivo di diversi complessi bandistici provenienti da tutto il mondo con lo scopo di riunire gruppi accomunati dallo spirito di amicizia e fratellanza attraverso la comune passione per la musica, il festival ha saputo mantenere negli anni la sua identità, irrobustendo l’offerta all’insegna della musicultura, come sottolinea la direttrice artistica Giovanna Cazzaniga: «Portiamo la cultura attraverso la musica e, attraverso la cultura, facciamo conoscere la musica, intesa sia come tradizione bandistica locale, sia come contaminazione e sperimentazione».

Tradizione e innovazione vanno a braccetto in un programma assai stuzzicante, adatto a tutti, esperti e non della materia, con 25 appuntamenti tra concerti, aperitivi e pic-nic in musica, laboratori per i più piccoli, letture sotto le stelle e visite guidate nel fine settimana alla scoperta del centro storico di Besana, che festeggia 150 anni dalla nascita del Comune. Tra le formazioni ospiti: la Banda dei Martinitt di Milano e l’Orchestra fiati Val Isonzo, Accoustik Band (Francia), Symphonic Band Májovák Karviná (Repubblica Ceca) e Banda Amizade (Portogallo).

Imperdibile, poi, giovedì sera il concerto dei Mnozil Brass, il celebre gruppo austriaco di ottoni, per la prima volta in Brianza, che con lo spettacolo Gold – The best of festeggia il suo 27° compleanno all’insegna di uno spettacolare greatest hits con l’inconfondibile stile che unisce comicità e virtuosismo musicale in bilico tra classica, folk e pop contemporaneo. Il via domani alle 21.00 con le esibizioni della Banda Besana e della Banda giovanile, special guest il compositore belga Jan Van Der Roost. La chicca? Un concerto all’alba di domenica per violino e chitarra.

Festival bandistico internazionale Besana Brianza
18° edizione

Quando
Da mercoledì 3 a domenica 7 luglio

Dove
Parco di Villa Filippini
Via Dante Alighieri 13, Besana Brianza (MB)

Ingresso
Gratuito
(a pagamento solo il concerto dei Mnozil Brass, 29-39 euro)

Informazioni
0362.99.66.92
festivalbesana.com

«Le bande sono alberi dai buoni frutti»
Dell’Acqua, Santa Cecilia: «Rispondiamo a nuove tendenze»

«Le bande sono sicuramente l’espressione di una tradizione che si tramanda negli anni», racconta a Mi-Tomorrow Enrico Dell’Acqua, consigliere dell’Associazione musicale Santa Cecilia.

Qualcuno potrebbe pensare a qualcosa di polveroso legato al passato, in realtà le bande sembrano mantenere una grande freschezza: è così?
«Le bande, soprattutto negli ultimi dieci-quindici anni, stanno vivendo una grande evoluzione, che la gente, forse, conosce poco: si parla molto più spesso, per esempio, di orchestre fiati, di ensemble musicali. Le bande mantengono radici profonde, ma questi alberi stanno dando buoni frutti, diversi, che cambiano continuamente, rispondendo anche alle nuove tendenze in ambito artistico e culturale».

È un mondo popolato ancora di giovani e capace di attrarli?
«Sì, sono tantissimi ed è una delle cose più belle da evidenziare delle bande locali: sono realtà in cui ragazzi e ragazze riescono ancora a trovare un luogo dove esprimersi, fare comunità e avere uno scambio sociale e culturale».

Quali sono le principali iniziative per l’edizione 2019?
«Dopo il successo di due anni fa, riconfermiamo, intanto, il parco di Villa Filippini come sede del festival, una zona della città in passato poco sfruttata, ma perfetta per ogni tipo di attività, capace di coniugare eleganza, comodità e sicurezza».

Poi?
«Abbiamo collaborato con alcune scuole del territorio per creare delle scenografie che impreziosiranno il palcoscenico e realizzare visite guidate nel weekend alla scoperta delle bellezze del centro storico».