3 C
Milano
04. 12. 2020 22:10

Primi segnali di fase 2 anche nei piccoli Comuni dell’hinterland

Le amministrazioni dell’area metropolitana milanese si stanno attrezzando per la ripartenza

Più letti

Bollettino regionale, continua la discesa tra i reparti ospedalieri: Milano, +580

I positivi riscontrati nelle ultime 24 ore sono 4.533, di cui 453 “deboli”, con la percentuale tra tamponi eseguiti (42.276...

Il manifesto sul portone del sindaco. Sala: «Non do torto agli studenti»

Un manifesto rosso con scritto «A Natale regalate la scuola».  Ecco cosa si è trovato davanti casa sua questa...

Movida Delivery, dal maritozzo del maestro Massari all’aperitivo di qualità

Con i ristoranti chiusi, non resta che ordinare le prelibatezze offerte da Milano direttamente a casa. Ecco la selezione...

Un gruppo di sindaci dell’area metropolitana ha scritto al presidente Attilio Fontana per chiedere, tra l’altro, una strategia comune e criteri omogenei per effettuare i test sierologici in modo affidabile. Di questi temi e di alcuni primi segnali di apertura in vista della “fase 2” parliamo nel resoconto settimanale dai comuni della Città Metropolitana di Milano.

 

 

Primi segnali di fase 2 anche nei piccoli Comuni dell’hinterland

Per la distribuzione delle mascherine ogni comune sta utilizzando metodi e criteri diversi. Ci sono amministrazioni che le consegnano direttamente nelle caselle della posta, altre che per ora le hanno date solo a medici, malati e persone a rischio. Alcuni municipi, che non hanno ricevuto sufficienti rifornimenti dalla Regione, hanno acquistato i dispositivi da fabbriche della zona che hanno convertito la loro produzione, altri hanno ricevuto donazioni da privati.

Rescaldina. L’amministrazione ha aperto la casella mail mascherine@comune.rescaldina.mi.it da utilizzare in caso di mancata o incompleta consegna. A Rescaldina, infatti, la distribuzione è fatta porta a porta.

Basiglio. Il Comune ha acquistato mascherine lavabili e riutilizzabili fino a 40 volte da consegnare ai cittadini direttamente a casa. Chi non fosse presente al momento della distribuzione può ritirare la busta nominativa chiamando il Centro Operativo Comunale al numero 329.3817988. «Nelle scorse settimane – ha precisato il sindaco di Basilio Lidia Reale – siamo riusciti a recuperare mascherine destinate ai volontari impegnati a fronteggiare l’emergenza e alle persone risultate positive in seguito alle segnalazioni pervenute da ATS. Intanto abbiamo deciso un acquisto massiccio di una tipologia riutilizzabile nel tempo e per tutti i cittadini. In seguito all’ordinanza regionale, abbiamo anche organizzato la distribuzione delle mascherine usa e getta messe a disposizione da Banca Mediolanum».

Tribiano. Il sindaco Roberto Gabriele ha deciso di far eseguire i test sierologici ai dipendenti comunali che ne fanno richiesta. Un medico li effettuerà privatamente, a spese del sindaco stesso, il quale ha specificato che si tratta di un pre-screening, i cui risultati avranno bisogno di una conferma attraverso i tamponi.

Cologno. Come in altri comuni, anche a Cologno Monzese era partita la spesa in base all’ordine alfabetico dei residenti, ma lo stesso sindaco Angelo Rocchi ha ammesso che il sistema non ha funzionato in quanto le code davanti ai supermercati non sono diminuite. Così il primo cittadino ha deciso di tornare al vecchio sistema senza restrizioni.

Pozzuolo Martesana. L’ufficio postale di via Garibaldi è chiuso dal 12 marzo perché i dipendenti sono in malattia e al momento non si sa ancora quando sarà riaperto. La posta più vicina è situata a Trecella (aperta a orario ridotto) dove si formano lunghe code, costituite anche da persone anziane che devono ritirare la pensione.

Albairate. A consegnare le pensioni agli over 75 di Alberiate ci pensano i Carabinieri. Chi desidera usufruire del servizio non deve essere in possesso di un conto o di un libretto, non deve aver delegato altre persone al ritiro della pensione e non deve avere familiari vicini. Il numero da chiamare è 02.94.98.131.

 Paderno Dugnano. Molto probabilmente le scuole non riapriranno più, ma visto che un po’ alla volta diversi genitori torneranno a lavorare si pone il problema di chi si occuperà dei bambini. Gli altri anni in questo periodo le famiglie erano già impegnate a iscrivere i figli ai centri estivi. In mancanza di comunicazioni certe, il Comune di Paderno Dugnano ha aperto le iscrizioni dal 21 aprile al 5 maggio, cosa che ha attirato molti commenti negativi sui social. L’amministrazione ha però specificato di aver preso questa decisione per farsi trovare pronta nel caso in cui le istituzioni dovessero decidere di attivare i centri estivi, anche con entrate scaglionate su turni.

Buccinasco. Dallo scorso weekend il sindaco di Rino Pruiti ha riaperto gli orti comunali. Il provvedimento prevede l’accesso solo agli assegnatari, dalle 6.00 alle 10.30, mantenendo la distanza di un metro e indossando la mascherina. «I nostri orti comunali – ha spiegato Pruiti – hanno un’importante valenza sociale, costituiscono per gli anziani una fonte di auto sostentamento e di benessere psico-fisico. Decreti ministeriali e ordinanze regionali specificano di evitare assembramenti e mantenere sempre la distanza interpersonale di un metro: questa attività solitaria non contrasta con queste misure e potrebbe rappresentare un momento di significativo svago personale per gli ortisti».

A Garbagnate apre il reparto per malati lievi

All’ospedale Salvini di Garbagnate (Asst Rhodense) è nato il progetto “Degenza di sorveglianza del paziente Covid-19” per ricoverare i malati con sintomi lievi, che non hanno però la possibilità di rimanere a casa mantenendo un isolamento adeguato, o che abitano da soli. I pazienti sono segnalati dal medico di base o dagli ospedali. Nella struttura sono disponibili 56 posti letto e al progetto collabora anche Medicasa, azienda accreditata con Regione Lombardia nell’assistenza domiciliare integrata.

Primi segnali di fase 2 anche nei piccoli Comuni dell'hinterland - ospedale di Garbagnate
Primi segnali di fase 2 anche nei piccoli Comuni dell’hinterland – ospedale di Garbagnate

In breve

Dalla Bicocca un algoritmo per stabilire chi dovrà fare per primo il vaccino anti-Covid

Chi farà per primo il vaccino anti-Covid? A stabilirlo potrebbe essere un algoritmo capace di indicare nomi e cognomi...

Il manifesto sul portone del sindaco. Sala: «Non do torto agli studenti»

Un manifesto rosso con scritto «A Natale regalate la scuola».  Ecco cosa si è trovato davanti casa sua questa mattina il sindaco Sala, il...

Movida Delivery, dal maritozzo del maestro Massari all’aperitivo di qualità

Con i ristoranti chiusi, non resta che ordinare le prelibatezze offerte da Milano direttamente a casa. Ecco la selezione di Mi-Tomorrow dei migliori delivery. SAPORI...
00:03:19

Prosegue la protesta degli infermieri: «Non siamo eroi, ma chiediamo di più»

Questa mattina, davanti alla sede della Prefettura di Milano, si è riunito un piccolo gruppo di infermieri e sindacati con alcuni striscioni. «Ora rispetto...

Il futuro a Milano, il lettore Simone: «Un Natale difficile per chi ha una famiglia allargata»

Simone Raso 24 anni, studente Milanese da sempre «Sto studiando all’Università Statale scienze motorie, quest’anno ci alterniamo fra lezioni online e prove pratiche in presenza. Dover mantenere il distanziamento...

Potrebbe interessarti