11.1 C
Milano
23. 10. 2021 03:50

In Bocconi si torna in aula con il modello blended: lezioni in presenza e in streaming

Per sostenere gli studenti in difficoltà a causa del Covid è stato creato un fondo di 3 milioni

Più letti

L’Università Bocconi di Milano si prepara al ritorno in aula. Quello che caratterizzerà, sicuramente, il primo semestre dei bocconiani è un rientro con modello blended con lezioni in aula e in streaming che contribuirà ad un passaggio più semplice quando di potrà tornare ad un modello della fruizione dei servizi universitari pre-Covid.

In Bocconi si torna in aula con il modello blended: lezioni in presenza e in streaming

Fondi. L’università milanese, ha investito 6 milioni di euro nella ripartenza: 3 milioni sono serviti per dotare il campus dei dispositivi di sicurezza per prevenire i contagi da coronavirus. Altri 3 milioni sono serviti alla creazione di un fondo per gli studenti in difficoltà a causa dell’emergenza in corso. Questi 3 milioni si aggiungono ai 30 milioni stanziati ogni anno dalla Bocconi per aiutare economicamente i suoi studenti.

La ripresa. La struttura della aule della Bocconi consente, nel rispetto del distanziamento sociale, di garantire il 50% della capacità. In questo modo sarà possibile garantire lezioni in remoto e lezioni in presenza su turnazione. In ogni caso, tutte le lezioni saranno disponibili anche in streaming sincrono o asincrono. Altri corsi verranno erogati sono nella loro versione digitale. Per rendere più immersiva l’esperienza in Bocconi, le aule sono state dotate di nuove telecamere e di un nuovo sistema di ripresa. Infine, per quanto riguarda le attività per lo studio individuale o di gruppo in università, l’uso di spazi sarà regolato da un sistema di prenotazione tramite app.

In breve

Alla Triennale c’è “Refocus”, la pandemia raccontata da 40 giovani fotografi

La pandemia raccontata dagli scatti fotografici di 40 giovani fotografi: fino al 21 novembre negli spazi della Triennale di...