0.9 C
Milano
19. 01. 2021 13:06

Milano, timore tra i banchi di scuola: impennata degli studenti positivi

Nell'ultima settimana i contagi sono cresciuti sensibilmente tra i banchi di scuola: le preoccupazioni dal mondo sanitario

Più letti

Sala contro la Moratti: «Vaccini in base al Pil? Mi cadono le braccia»

Il sindaco Sala ha affidato ai social il suo pensiero sulle ultime dichiarazioni dell'assessore al Welfare Letizia Moratti in...

Martina Luoni, la “Milanese del 2020”, si racconta: «Sto provando a vincere il buio»

«Buongiorno a tutti, per chi non mi conoscesse sono Martina, ho 26 anni e tre anni fa mi è...

Tutti insieme per l’istruzione. Il Comitato di studenti, genitori e docenti: «Siamo esasperati»

Dieci giorni fa hanno bloccato l’ingresso dell’Ufficio Scolastico Territoriale di Milano e una settimana fa hanno organizzato un'assemblea su...

Preoccupano e non poco i contagi tra i banchi delle scuole. Il bollettino sui positivi negli istituti milanesi segna 175 positivi questa settimana, numero raddoppiato rispetto a sette giorni fa. Tuttavia i numeri non sembrano allarmare il sindaco Sala, che nella giornata di ieri ha affermato: «Cercherei di tutelare l’idea della presenza a scuola».

Focolai nei licei. Entrando nello specifico dei dati rilevati, si nota che i contagi tra gli studenti avvengono soprattutto tra i liceali. «Ad ammalarsi sono soprattutto ragazzi dei licei – racconta Marino Faccini, responsabile malattie infettive dell’Ats in un’intervista al Corriere – che non si infettano a scuola, ma fuori. Per ora sui più giovani non abbiamo particolari evidenze».

contagi scuola

Con la parola “fuori” si punta il dito contro i luoghi della movida. Nonostante l’aumento dei posti occupati nelle terapie intensive e negli altri reparti, l’assessore al Welfare Gallera ha dichiarato che per il momento si atterranno alle disposizioni del Dpcm. Lo stesso presidente Fontana ha dichiarato: «Il testo è confuso, ma non pensiamo alla chiusura dei locali alle 18».

Ciò nonostante lo scenario preoccupa gli operatori sanitari. Ieri hanno firmato in 600 un appello per manifestare i propri timori: «Il rischio è che l’intero sistema venga messo ancora una volta sotto stress estremo, non basta la disciplina della gente, serve una risposta coordinata e lungimirante delle istituzioni».

 

In breve

Rifiuti elettrici ed elettronici: Milano è la provincia più virtuosa

Milano è la provincia più virtuosa in Lombardia sulla raccolta di rifiuti elettrici ed elettronici (RAEE) nel 2020: a...

Potrebbe interessarti