31.2 C
Milano
21. 05. 2022 21:11

Post scuola, parlano le educatrici: «Monitoreremo la situazione»

Parla a Mi-Tomorrow Patrizia Frisoli, rappresentante di FP-CGIL Milano

Più letti

Oggi riparte il post scuola nei nidi e nelle scuole d’infanzia comunali. Ciò è possibile grazie all’accordo fra Palazzo Marino e i sindacati degli educatori, che, fra l’altro, prevede il reclutamento di nuovo personale attraverso le liste di MAD (messa a disposizione) e le cooperative.

Post scuola, parola alle educatrici

post scuola«Lo abbiamo sottoscritto, ma con l’impegno di monitorare l’andamento dell’organizzazione: non possiamo accettare la mancanza delle compresenze al mattino – precisa a Mi-Tomorrow Patrizia Frisoli, rappresentante di FP-CGIL Milano – Nei mesi scorsi in alcuni casi non è stato possibile coprire neanche l’orario ordinario: se un’educatrice della scuola dell’infanzia rimaneva sola, per lei era impossibile iniziare con il pre scuola alle 7.30 e gestire una classe di 20-25 bambini fino alle 16.30. Le 600 assunzioni previste a inizio anno scolastico sono di fatto diventate 450-500, perché non tutte le persone in graduatoria hanno accettato. Inoltre, solo successivamente è scattato l’obbligo vaccinale, così parte degli educatori appena assunti non ha potuto lavorare. Ora l’apertura delle liste di MAD permette di assumere con una procedura più snella, utile anche per sostituzioni brevi. Infine speriamo che si possa superare il sistema delle bolle».

In breve

Milano, al Giambellino arrivano i lampioni smart contro rifiuti e soste irregolari

Una nuova ed impensabile nuova arma per contrastare i furbetti dei rifiuti: a Milano, per la precisione al Giambellino,...