18.8 C
Milano
23. 06. 2021 05:18

Ultima settimana di scuola, è tempo di bilanci: «Un’estate per recuperare un anno difficile»

Borando (Galilei-Luxemburg): «Aiutamo i ragazzi a immaginare il loro futuro, è importante avere un contatto diretto»

Più letti

Ultima settimana di scuola. Per fare il bilancio di questo anno scolastico complicato, Mi-Tomorrow ha interpellato Annamaria Borando, preside dell’istituto comprensivo Sorelle Agazzi (zona Bovisa), con una scuola dell’infanzia, due primarie e una media, e del tecnico e professionale Galilei-Luxemburg (San Siro). La dirigente ha quindi un punto di osservazione privilegiato su tutte le face di età degli studenti.

Scuola, si chiude l’anno: «Un periodo segnato dall’incertezza»

Com’è andato questo anno?
«E’ stato un anno molto triste e di incertezza, soprattutto per i ragazzi della scuola superiore, che per la maggior parte del tempo sono rimasti a casa. In generale il mondo della scuola ha dovuto resistere di fronte a tutti i provvedimenti del Ministero e dell’ATS che cambiavano in continuazione. Ormai siamo diventati bravi con la didattica a distanza, garantendo quotidianamente lo svolgimento delle lezioni anche quando i più piccoli erano a casa in quarantena».

Siete riusciti a tenere aperti almeno i laboratori?
«Per fortuna sì, anche se i ragazzi venivano a scuola solo una volta alla settimana. Inoltre abbiamo sempre mantenuto le attività in presenza per bambini e ragazzi con bisogni educativi speciali. In generale abbiamo avvertito un grande disagio psicologico».

Ci racconti…
«Gli adolescenti, a partire dai ragazzi di terza media, hanno fatto molta fatica a elaborare il senso di solitudine, a trovare un modo per andare avanti e alcuni hanno abbandonato, specialmente dai 16 anni in su, visto che a quell’età non c’è più l’obbligo scolastico».

La scuola si sente impotente?
«Il nostro compito è aiutare i ragazzi a immaginare il loro futuro. Per farlo è importante avere un contatto diretto, in presenza, e questo è insostituibile. Abbiamo comunque messo a disposizione tutte le nostre risorse, come lo sportello psicologico, anche a distanza».

Nel comprensivo Sorelle Agazzi ci sono tanti alunni di origine straniera. Per loro quanto è stato difficile seguire la scuola a distanza?
«C’è una fascia di famiglie in grande difficoltà economica. La scuola ha fornito tantissimi tablet e computer in comodato d’uso. Abbiamo notato il forte divario fra i bambini che potevano essere seguiti dai genitori rimasti a casa in smartworing e i bambini con i genitori che dovevano per forza lavorare fuori».

Proporrete le attività estive previste dal Ministero?
«Sì, abbiamo aderito al Piano Estate. I docenti metteranno in campo le loro proposte per giugno, luglio e per la prima parte di settembre. Faremo soprattutto potenziamento di italiano, di matematica, di inglese. Dedicheremo molte energie anche ai i bambini stranieri che hanno avuto grosse difficoltà con lo studio a distanza della lingua italiana. Ma proporremo anche attività ludico-creative. Anche al Galilei-Luxemburg organizzeremo lezioni di recupero».

All’inizio dell’anno scolastico mancavano molti insegnanti. Per settembre sa già cosa aspettarsi?
«Quest’anno ci sono state difficoltà enormi. I docenti non arrivavano a Milano per paura di contagiarsi. Poi abbiamo avuto tante classi in quarantena e docenti fragili che non potevano insegnare, soprattutto alle superiori. Ora i concorsi si stanno sbloccando e con l’ingresso in ruolo di molti docenti a settembre dovremmo essere più tranquilli».

 

In breve

Corso Buenos Aires, sulle ciclabili si (ri)parte… con polemica

Si può considerare la più controversa realizzazione dell’amministrazione Sala, quella che ha suscitato più polemiche e che ha creato...