17.6 C
Milano
25. 05. 2024 14:26

Ambulanti di Milano: il Governo li dimentica

Senza il rinnovo delle concessioni, le aziende chiuderanno e falliranno

Più letti

Il Governo sembra proprio aver dimenticato gli ambulanti di Milano e di tutta Italia, visto che è scaduta la proroga per l’emergenza Covid e, con essa, è scaduto anche il termine per il rinnovo delle concessioni di commercio su aree pubbliche. Ma al MISE, il Ministero per lo Sviluppo Economico, nessuno sembra aver preso a cuore questa necessità.

Il Governo faccia qualcosa per gli ambulanti di Milano e di tutta Italia.

Dunque, che fare? Al momento i commercianti ambulanti di Milano e di tutta Italia stanno ancora aspettando che Palazzo Chigi decida il da farsi. Per fortuna, a sostegno degli imprenditori milanesi, è arrivata la scelta Apeca, l’Associazione ambulanti che fa parte di Confcommercio Milano, la quale ha deciso di prorogare in autonomia le concessioni scadute. A parlarne è Giacomo Errico, presidente Apeca e Fiva Confcommercio: «La nostra pazienza si sta esaurendo – le  sue parole – sono dieci anni che ci trasciniamo nell’incertezza. C’è il problema della vita e del lavoro di tante imprese. Chiediamo rispetto».

La situazione attuale

Ma qual è la situazione attuale? «Il 29 giugno – afferma ancora Giacomo Errico, presidente di Apeca e presidente nazionale Fiva Confcommercio – è scaduta la proroga per l’emergenza Covid e, con essa, è scaduto anche il termine per il rinnovo delle concessioni di commercio su aree pubbliche. Pensavamo che Palazzo Chigi volesse porsi la questione come già annunciato dal MISE. E invece sembra proprio di no. “Nel frattempo – prosegue Errico – numerosi Comuni fra cui, spiace dirlo, Milano, stanno revocando i procedimenti di rinnovo aperti. In questo modo si rischia il caos più completo».

Le tre parole di oggi? Scoprile in newsletter!

Una crisi che va avanti da oltre dieci anni

La chiosa finale è un altro attacco alle istituzioni: «La nostra pazienza si sta esaurendo. Sono più di dieci anni che, ormai, ci trasciniamo nell’incertezza. Una volta è il legislatore a prorogare, una volta sono le sentenze del Tar, una volta è il rispetto delle norme europee. Ma qualcuno si è mai posto il problema della vita e del lavoro delle imprese? Dietro una concessione ci sono famiglie, titolari e collaboratori, c’è gente che fa impresa. “Chiediamo un po’ di rispetto. O siamo solo buoni per pagare le tasse?».

In breve

FantaMunicipio #31: sempre più verde nelle aree riqualificate?

Una città più verde, ma verde davvero, fa bene a tutti. Ma c'è ancora tantissimo da fare. Alcuni rappresentanti...