8.9 C
Milano
05. 03. 2021 10:54

#Milanochelegge, dai fumetti in onore di David Bowie alle trame di corte di Bridgerton

L'appuntamento settimanale con il mondo della lettura

Più letti

Si celebra la festa della donna: a che punto siamo con la parità di genere a Milano?

La festa dell’8 marzo è un’occasione utile per discutere della situazione femminile in città. I molti cambiamenti degli ultimi...

Milano, per la festa della donna occhio agli scioperi

Sarà una festa della donna probabilmente in zona rossa a Milano. Ma anche con uno sciopero generale proclamato per...

Sala attacca la Regione: «Con tutti gli errori fatti dovrebbero essere più umili»

Il sindaco Beppe Sala ha esspresso rammarico per le modalità con cui Regione Lombardia ha decretato il passaggio in...

Carmen Barbieri, Cercando il mio nome, Feltrinelli (224 pagine, 16,50 euro)

Anna e suo padre sono legati da fili fortissimi, che sembrano non spezzarsi mai. Fino a quando una malattia fulminante non recide tutto: Anna è talmente disorientata da sentirsi scarnificata. Il trasferimento da Napoli a Roma, l’inizio dell’Università e la necessità di doversi mantenere portano Anna al lavoro di ballerina in un night club, diventando un nuovo personaggio: Bube, che danza attaccata al palo della lap dance, sperando di dimenticare un passato che, invece, riemerge con tutta la forza della vita che combatte contro la morte.

Marco B. Bucci e Riccardo Atzeni, Saetta rossa, Panini Comics (224 pagine, 25 euro)

In occasione del quinto anniversario della scomparsa di David Bowie, Panini pubblica questo fumetto molto colorato che strizza l’occhio alla science fiction, grazie alla sceneggiatura di Marco B. Bucci e alle illustrazioni acquarellate di Riccardo Atzeni. La storia comincia proprio il giorno della morte di Bowie, giorno in cui Samuel resta paralizzato. Letteralmente, per ben un milione di anni! Al suo risveglio, lo circonda la società del futuro, fatta di biotecnologie, dinosauri antropomorfi, o forse persone travestite da dinosauri? Nel futuro avremo realizzato la società utopica a cui aspiriamo? Samuel cercherà di scoprirlo.

Julia Quinn, Il duca e io, Mondadori (341 pagine, 14,50 euro)

Da un lato, il neo duca di Hastings, Simon Arthur Henry Fitzranulph Basset, ancora scapolo; dall’altro lato, Daphne Bridgerton, la figlia maggiore che debutta in società e che rischia di rimanere… Zitella. Ambientato nella Londra del 1813, i protagonisti di questa storia si muovono tra schiere di madri dell’alta società che non aspettano altro di accasare tutte le proprie figlie con un buon partito e schiere di “buoni partiti” che non vedono l’ora di mettere le mani sulla donzella che più li aggrada. Come fare per scansare entrambi? Forse potrebbe funzionare fingere di essersi fidanzati?

 

Bernardine Evaristo, Ragazza, donna, altro, SUR (520 pagine, 20 euro)

Dodici protagoniste per un romanzo anticonvenzionale e molto ricco, vincitore del Man Booker Prize. Dodici storie di donne completamente diverse per estrazione sociale, formazione, razza, sangue. La storia inizia con la sera in cui va in scena per la prima volta lo spettacolo di Amma, regista nera e militante. A guardarla e sostenerla ci sono la figlia Yazz, universitaria, e l’amica di sempre Shirley. Non c’è Dominique: con lei Amma ha iniziato il suo percorso tra i circuiti alternativi della gavetta, ma l’amore l’ha portata Oltreoceano.

Serena Dandini, La vasca del Führer, Einaudi (248 pagine, 17,50 euro)

Una foto, molto famosa, ritrae una donna che si fa il bagno nella vasca da bagno di Adolf Hitler: questa è Lee Miller, musa di Man Ray, modella e fotografa che, seguendo il suo genio e il suo spirito, documentò con reportage fotografici i fronti Est-europei della Seconda Guerra Mondiale. Serena Dandini, partendo da questa fotografia, ripercorre l’incredibile biografia della Miller, intellettuale e, soprattutto, donna libera in un tempo in cui era impossibile esserlo.

In breve

Milano, per la festa della donna occhio agli scioperi

Sarà una festa della donna probabilmente in zona rossa a Milano. Ma anche con uno sciopero generale proclamato per...