7.5 C
Milano
29. 11. 2020 02:26

#Milanochelegge, il ritorno di J. K. Rowling, la mamma di Harry Potter

L'appuntamento settimanale con il mondo della lettura

Più letti

Bollettino regionale, la curva punta verso il basso: Milano, +641

I positivi riscontrati nelle ultime 24 ore sono 4.615, di cui 432 “deboli”, con la percentuale tra tamponi eseguiti (37.286...

“Suoniamogliele!”, la tamburellata di “Non una di meno” sotto Palazzo Lombardia

Le donne di "Non una di meno" si riprendono la piazza. A tre giorni dalla giornata internazionale contro la...

Milano, prolungato lo stop dei mercatini dell’ “illegalità” di viale Puglie

Sono state firmate oggi due ordinanze contingibili e urgenti per prorogare fino al 31 gennaio la sospensione dei due...

Elisa Cuter, Ripartire dal desiderio, minimum fax (224 pagine, 16 euro)

Il titolo di questo saggio dice moltissimo: «ripartire dal desiderio» è l’invito e il punto di partenza per Elisa Cuter che, mescolando sapientemente filosofia, sociologia, psicologia e tutto ciò che arriva dal cinema e dalla cultura pop, indaga tutta una serie di fenomeni sottoponendoli a un punto di vista personale e originale, occupandosi anche di ribaltare luoghi comuni del femminismo più mainstream. E, soprattutto, togliendo dal proprio centro l’identità come unico porto sicuro.

Vittoria Macioci per Desolation Club. Vol. 1. Nuovo mondo antico (96 pagine, 19,90 euro) e Desolation Club. Vol. 2. Senza freni (96 pagine, 19,90 euro), editi da saldaPress

Quello di Vittoria Macioci è uno stile già meraviglioso che esplode in tutta la sua straordinarietà nei volumi che compongono Desolation Club, saga che vede alla sceneggiatura un altro nome già premiato a Lucca lo scorso anno, Lorenzo Palloni. Tra cinquecento anni il nostro mondo sarà un posto molto inospitale, ostile, privo di gravità e, soprattutto, con delle società ormai quasi totalmente regredite. In questo scenario, cinque adolescenti decidono comunque di fuggire per liberarsi definitivamente di ogni vincolo.

Zerocalcare, A Babbo morto. Una storia di Natale, BAO Publishing (pagine, 11 euro)

Cosa si nasconde dietro il business internazionale di Babbo Natale? No, con questo non intendiamo il business del Natale in sé, ma proprio la fabbrica tirata su dal vecchio barbuto, le condizioni di lavoro dei folletti, le anziane rider al servizio della Befana e i minatori sardi che si occupano di estrarre il carbone da inserire nelle calze. Se tutto questo vi sembra delirante è perché non avete letto questa favola natalizia realizzata da Zerocalcare!

A Babbo morto. Una storia di Natale, prodotto da Storytel (abbonamento a partire da 9,99 euro)

Siete curiosi di ascoltare il primo audiolibro tratto da un fumetto? A Babbo morto, il nuovissimo lavoro in cui Zerocalcare racconta una favola cinica e surreale in cui Babbo Natale è venuto a mancare, sostituito da Figlio Natale, è disponibile in un’inedita versione audio prodotta da Storytel, la piattaforma di audiolibri e podcast in streaming. A leggervi questa favola sarà l’inconfondibile voce dello stesso Zerocalcare, con la partecipazione di Caterina Guzzanti e Neri Marcorè.

Letizia Battaglia e Sabrina Pisu, Mi prendo il mondo ovunque sia. Una vita da fotografa tra impegno civile e bellezza, Einaudi (268 pagine, 19 euro)

Per la prima volta, la fotoreporter Letizia Battaglia racconta la sua vita e la propria opera, e lo fa in prima persona, senza censure né limitazioni di sorta. L’impegno civile e politico, la fotografia come mezzo di racconto, ma soprattutto vera e propria scelta in grado di liberarla, rendendola una combattente al servizio della cronaca politica e non solo. Accanto a tutto questo, la città di Palermo e le stragi mafiosi che tutti ben conosciamo. A Sabrina Pisu è affidata la ricostruzione e l’analisi degli scenari socio-politici, oltre che degli esiti giudiziari di una stagione non facile.

J. K. Rowling, L’Ickabog, Salani (320 pagine, 19,80 euro)

Dopo essersi cimentata con una storia a sfondo politico con Il seggio vacante e averci trasportati in un thriller con la trilogia scritta sotto lo pseudonimo di Robert Gailbrath, la Rowling torna al fantastico con questa storia. L’Ickabog del titolo è una leggenda, un mostro abitante nelle Paludi nebbiose del Nord: il solo nome è in grado di calmare all’istante anche il bambino più scalmanato, ma a quanto pare anche tenere in scacco un’intera nazione, il Regno di Cornucopia, un tempo isola felicissima.

 

SCARICA L'AUTOCERTIFICAZIONE SCARICA AUTOCERTIFICAZIONE

In breve

A Milano nonostante la pandemia è di nuovo allarme smog

La qualità dell'aria torna a preoccupare. Nella giornata di ieri le centraline dell'Arpa hanno registrato concentrazioni di polveri sottili...

“Suoniamogliele!”, la tamburellata di “Non una di meno” sotto Palazzo Lombardia

Le donne di "Non una di meno" si riprendono la piazza. A tre giorni dalla giornata internazionale contro la violenza delle donne, un presidio...

Milano, prolungato lo stop dei mercatini dell’ “illegalità” di viale Puglie

Sono state firmate oggi due ordinanze contingibili e urgenti per prorogare fino al 31 gennaio la sospensione dei due mercatini che si tenevano ogni...

Ursula Von der Leyen: «Milan l’è un gran Milan». Il video

La presidente della Commissione Europea Ursula Von der Leyen ha speso parole di stime nei confronti di Milano in occasione dell'inaugurazione dell'anno accademico dell'Università...

A Milano nonostante la pandemia è di nuovo allarme smog

La qualità dell'aria torna a preoccupare. Nella giornata di ieri le centraline dell'Arpa hanno registrato concentrazioni di polveri sottili oltre i limiti. A Milano...

Potrebbe interessarti