10.6 C
Milano
23. 10. 2021 06:35

Midterm, 11 sfide per capire l’America: la nostra analisi

Più letti

Gli Stati Uniti sono tornati al voto nelle elezioni di “midterm” per rinnovare i membri di Camera (435 seggi), Senato (35), e votare 36 nuovi governatori. La tanto attesa “onda blu” dei Democratici, però, non è arrivata. I Repubblicani infatti mantengono una salda maggioranza in Senato, ma perdono il controllo della Camera. E il Presidente Donald Trump, dopo due anni di polemiche, resiste. Forte di un’economia che continua a volare, nonostante il deficit cresca più velocemente della crescita.

La sinistra prosegue in affanno, ma prosegue. Sorride per i nuovi leader locali. Per i risultati migliori ottenuti nel Midwest, che era costato le elezioni a Clinton nel 2016. E per una Camera più rosa che mai – con più di 100 donne deputate – multiculturale e giovane. Ma continua a pagare, come in Italia, una leadership nazionale incapace di rinnovarsi, e in difficoltà al Senato. Qui 11 delle sfide più significative. Che fotografano un Paese diviso, in cambiamento, e ancora spostato a destra.

SENATO

INDIANA
Joe Donnelly (D) 43,1% – Mike Braun (R) 52,9%
Lo Stato è quello del vice presidente Mike Pence. Il seggio, fino alla notte del 6 novembre, era di Joe Donnelly, uno dei pochi Democratici in grado di vincere in uno Stato a fortissima trazione repubblicana. I sondaggi davano i due candidati in sostanziale pareggio. Ha stravinto, invece, Mike Braun, sostenuto da Trump.

TEXAS
Beto O’Rourke (D) 48.1% vs Ted Cruz (R) 51,1%
È stata una delle sfide più avvincenti. Perché O’Rourke, un “Obama del Texas”, ha raccolto
donazioni dalle persone come nessun altro candidato prima nella storia. Ma non è bastato. Il repubblicano Ted Cruz si è confermato senatore, sconfiggendo O’Rourke in un testa a testa, forte anche del sostegno di Trump.

NEVADA
Jacky Rosen (D) 50,8% vs Dean Heller (R) 45,0%
L’unica notizia che non fa sorridere i Repubblicani al Senato è la sconfitta di Dean Heller. Dato in vantaggio fino a due settimane fa, il candidato di destra ha perso contro Jacky Rosen, che ha recuperato voti grazie a una raccolta-fondi straordinaria sui social media. È l’unico caso in cui sono stati i Dem a ribaltare le sorti di un seggio non loro.

CAMERA

IOWA – Distretto 1
Abby Finkenauer (D) 51,1% vs Rod Blum (R) 45,8%
È meno famosa della newyorkese socialista di cui parlano tutti, Alexandria Ocasio-Cortez. Ma assieme lei, Abby Finkenauer è la più giovane rappresentante della storia del Congresso. 29 anni, Finkenauer ha vinto in un distretto in mano a Trump dal 2016, imponendosi nettamente su Blum.

MINNESOTA – Distretto 5
Ilhan Omar (D) 78,5% vs Jennifer Zielinski 21,6%
Con Rashida Tlaib (che ha vinto in Michigan), Ilhan Omar è la prima donna musulmana a entrare nel Congresso degli Stati Uniti. Arrivata a 14 anni negli USA dopo essere scappata dalla guerra civile in Somalia, è sempre stata attivista politica. Ora si è imposta sulla repubblicana Zielinski.

KENTUCKY – Distretto 6
Amy McGrath (D) 47,8% – Andy Barr (R) 51,0%
La storia di McGrath, pilota di caccia autrice di una campagna elettorale giovane e fresca, aveva appassionato molti. Ma nel distretto 6 a maggioranza democratica, di uno Stato, il Kentucky, a chiara trazione repubblicana, dopo una battaglia serrata ha vinto Andy Barr. A conferma dell’onda blu non concretizzatasi.

GOVERNATORI

FLORIDA
Andrew Gillum (D) 48,9% – Ron DeSantis (R) 49,9%
Nonostante il favore dei sondaggi, Gillum non è il primo governatore afroamericano della storia della Stato. DeSantis, che ha ricevuto l’endorsement di Trump, con un’agenda di destra, ha vinto sul filo di lana.

OHIO
Richard Cordray (D) 46,4% – Mike DeWine (R) 50,7%
Lo Stato-chiave delle elezioni presidenziali rimane in mano ai Repubblicani. Ex Attorney General, Mike DeWine si è imposto sul Democratico Richard Cordray. Lanciando un messaggio importante in vista del 2020.

COLORADO
Jared Polis (D) 51,6% – Walker Stapleton (R) 45,0%
Il Colorado ha eletto il primo governatore omosessuale apertamente dichiarato nella sua storia. E la sua vittoria ai danni di Stapleton, candidato di sistema, assume un significato particolare perché avviene in uno Stato spesso diviso tra blu e rossi.

MICHIGAN
Gretchen Whitmer (D) 53,1%– Bill Schuette (R) 44,0%
Nel 2016 Trump aveva strappato il Michigan, Democratico dal 1992. In queste Midterm, però, la progressista Gretchen Whitmer lo ha riportato ai Dem. E ha vinto, rendendosi protagonista di uno dei principali ribaltoni della notte, assieme agli Stati Kansas e Illinois.

KANSAS
Laura Kelly (D) 47,8% vs Kris Kobach (R) 43,3%
La sorpresa della nottata. Il Kansas, da otto anni repubblicano e feudo di Trump nel 2016, viene ripreso per i Dem da una donna. È Laura Kelly, progressista 68enne, nativa di New York.

In breve

Alla Triennale c’è “Refocus”, la pandemia raccontata da 40 giovani fotografi

La pandemia raccontata dagli scatti fotografici di 40 giovani fotografi: fino al 21 novembre negli spazi della Triennale di...