22.9 C
Milano
14. 07. 2024 01:09

Arriva un caffè letterario al Teatro Lirico Gaber di Milano: ecco come funziona

Tra arte e sostenibilità: come sarà il nuovo spazio all'interno dello storico teatro meneghino

Più letti

Al teatro Gaber di Milano, in via Larga, 14, nascerà presto un elegante spazio in cui sarà possibile non solo fare colazione, pranzare e cenare, ma anche assistere ad incontri, eventi e spettacoli culturali di vario tipo. Tra cucina e arte, il nuovo caffè letterario sarà sicuramente preso d’assalto! Vediamo meglio di cosa si tratta.

Teatro Gaber Milano: il nuovo spazio

Un luogo di incontri, relazioni e convivialità: questo è ciò che si propone di essere il nuovo spazio (che verrà allestito a partire da settembre del 2023) presso lo storico teatro lirico meneghino dedicato al poliedrico artista Giorgio Gaber. A presentare il nuovo format è stato, nei giorni scorsi, il direttore Matteo Forte.

Questo sarà sicuramente da una parte un’occasione speciale per riunire milanesi e non, dall’altra un modo per valorizzare lo stesso teatro Gaber. Chiamato un tempo teatro della Cannobiana, esso è uno dei più antichi presenti all’interno del capoluogo lombardo. A firmare il progetto nel 1779 fu niente di meno che Giuseppe Piermarini, lo stesso che diventò famoso in tutto il mondo per il suo incredibile lavoro a La Scala di Milano.

Le tre parole di oggi? Scoprile in newsletter!

teatro Gaber

Dopo vari stop e peripezie, il teatro Gaber aveva rialzato il sipario alla fine del 2021. E in quella occasione si era deciso di dedicare la struttura all’indimenticabile Giorgio. Oggi invece, l’edificio è pronto a vivere un’altra nuova vita con questa interessante iniziativa del caffè letterario. Iniziativa che, come anticipavamo prima, prenderà il via sul finire dell’estate 2023. A settembre dunque,

Come sarà il nuovo caffè letterario del teatro Gaber?

A progettare il tutto e pensare anche ai minimi dettagli è stata Alessia Garibaldi (Garibaldi Architects), insieme ad altri esperti e collaboratori. In primo luogo, come spazio si è scelto quello della sala prove dei cantanti lirici. Uno spazio molto ampio e voluminoso che fino a poco tempo prima era vuoto. Al centro ci sarà un’ampia isola centrale. I tavolini saranno in marmo nero. Le sedie saranno color verde salvia.

In questa splendida cornice allora sarà possibile non solo mangiare, ma anche assistere a incontri, presentazioni, ed eventi culturali di vario tipo. A seguire la parte culinaria sarà la società GLQR del ristoratore Giuliano Lotto con la formula già nota di Godo. “Sostenibilità” sarà, sia in cucina che in sala, la parola d’ordine.

In breve

FantaMunicipio #38: mai come quest’anno Milano da numero uno, vince il Municipio 1

In una agguerrita edizione del FantaMunicipio è il Municipio 1, quello del centro storico, guidato dal presidente Mattia Abdu...