18.8 C
Milano
23. 06. 2021 05:32

Verde, piazze e poesie per trasformare il vecchio scalo di Lambrate: ecco il vincitore del bando Reinventing Cities

Svelato il vincitore del bando Reinventing Cities che trasformerà il vecchio scalo in una gigantesca area verde

Più letti

È Lambrate Streaming, il progetto vincitore del bando Reiventing Cities che porterà a ridisegnare gli spazi dello vecchio scalo di Lambrate a Milano. Il progetto è stato presentato da un team multidisciplinare cui fa da capofila Sant’Ilario Società Cooperativa Edilizia coordinata da Caputo Partnership International srl  e composto da Tekne Spa (Ambiente, Strutture, Impianti), Pro Iter srl (Mobilità e Infrastrutture), Studio Giorgetta (Paesaggio), Consorzio Poliedra – Politecnico di Milano (Processi socio-partecipativi), Ernst&Young e Ambiente Italia Progetti srl.

Lambrate Streaming, il progetto

Il masterplan disegnato da Caputo Partnership International si sviluppa su un’area di oltre 65mila metri quadri.  Al centro del progetto ci sarà un grande parco pubblico di circa 41.500 metri quadrati con oltre 900 alberi e tantissime attrezzature sportive.

La vita del nuovo quartiere si svolgerà poi intorno alle tre piazze principali sempre caratterizzate da un’impronta green: lungo tutto il sistema di spazi pubblici nasceranno frutteti, orti didattici e di comunità, aree ricreative attrezzate, campi giochi e sportivi per adulti e bambini, aree cani.

Il muro del rilevato ferroviario verrà riqualificato in chiave artistica: su di esso verranno incise poesie legate al tema del treno e del viaggio grazie all’opera dell’artista piacentino Giorgio Milani.

lambrate

Come previsto dall’Accordo di Programma, verranno realizzate soluzioni abitative a prezzi accessibili rivolte prevalentemente a giovani e studenti: oltre 19mila mq, pari a 307 alloggi di Edilizia sociale, tra cui convenzionata agevolata in vendita e in locazione con patto di futura vendita, co-housing, in locazione a canone moderato, concordato e convenzionato, alloggi per studenti ed edilizia a canone sociale.

Non mancheranno anche i serivizi per il quartiere: poli culturali, servizi per l’infanzia, coworking e tanto altro ancora.

«Dopo Farini, San Cristoforo, Greco e Porta Romana, oggi anche per Lambrate abbiamo un masterplan che proietta la città nel 2030 – ha dichiarato l’assessore all’Urbanistica e Verde Pierfrancesco Maran –. La rigenerazione dei sette scali rappresenta  la sfida urbanistica più importante del decennio. Una città molto più verde, con case a prezzi accessibili, servizi a 15 minuti da casa e un sistema di mobilità integrato, in sinergia con la valorizzazione del polo universitario di Città Studi. Anche Lambrate, attraverso questo progetto, concorrerà a ridisegnare una Milano più sostenibile, equa e internazionale».

In breve

Corso Buenos Aires, sulle ciclabili si (ri)parte… con polemica

Si può considerare la più controversa realizzazione dell’amministrazione Sala, quella che ha suscitato più polemiche e che ha creato...