4.4 C
Milano
09. 12. 2022 01:23

Da Milano, l’app per la street water mondiale. Il giovane Edoardo de Cal: «Mappo tutte le fontanelle nel mondo»

Un’app che permette di localizzare le risorse d’acqua pubbliche in tutti i continenti

Più letti

Combattere la crisi climatica e ambientale, una missione cruciale per il destino del pianeta che passa dalle azioni di tutti noi. Un tema che sta trovando l’impegno sempre più intenso da parte dei ragazzi più giovani, come Edoardo de Cal, 20enne milanese con idee innovative e tanta voglia di fare del bene all’ambiente.

È stato uno dei 20 giovani imprenditori e attivisti ambientali che ha preso parte all’ultimo Climate Action Summit, nel paradiso naturale dell’Oasi WWF di Galbusera Bianca, in provincia di Lecco, grazie al contributo di Fondazione Cariplo e della Fondazione Robert Bosch. Lo studente lombardo, che frequenta il secondo anno di Ingegneria Gestionale al Politecnico di Milano, è stato selezionato per il suo progetto “Fontanelle d’acqua”, un’app completamente gratuita che permette di trovare facilmente fontanelle e risorse d’acqua pubbliche in tutti e 5 i continenti del Mondo.

Edoardo De Cal, il perché della app che mappa le fontanelle

«Ho iniziato a svilupparla nel settembre del 2019 ed è stata rilasciata nel gennaio del 2020 – spiega Edoardo –. Durante la quarantena ne ho approfittato per fare ulteriori aggiornamenti per renderla ancora migliore. L’app è nata per diversi motivi, il principale è per tutelare l’ambiente: l’Italia è il primo paese in Europa per consumo d’acqua in bottiglie di plastica e, paradossalmente, è nel contempo uno dei Paesi con più fontanelle al mondo».

Plastica che purtroppo ha un grande impatto ambientale: «Esistono alternative intelligenti, come ad esempio le borracce che possono essere riempite ovunque proprio grazie alle fontanelle pubbliche in tutto il mondo. Ho preso le posizioni delle fontanelle da vari dati pubblici, inizialmente i dati erano “grezzi”, quindi li ho elaborati tramite il linguaggio di programmazione Python, per successivamente inserirli nel mio database. Utilizzare una fontanella al posto di comprare una bottiglietta di plastica è un piccolo gesto che contribuirà a cambiare il mondo. Se esiste ed ha così tanto meritato successo lo street food perché non valorizzare anche la street water?».

Un progetto che parte da lontano, dalla passione di un ragazzo determinato e che appare molto più maturo rispetto alla sua giovane età: «Mi piace unire creatività e tecnologia per creare qualcosa che le persone possano utilizzare per avere un impatto positivo sulla realtà. Quando avevo 10 anni mio fratello mi ha fatto scoprire la programmazione e mi sono appassionato al mondo della sostenibilità anche grazie a mia madre. Amo la natura, mi rilassa e mi fa stare bene. Penso che tutti dovremmo prenderci cura dell’ambiente, ognuno nel proprio piccolo deve cercare di fare qualcosa». Da questo punto di vista, l’esperienza del Climate Action Summit lo ha arricchito moltissimo: «Ho conosciuto tante persone che svolgono una parte attiva per l’ambiente, appassionate a questo tema come me e vogliose di fare qualcosa di concreto».

Azioni che partono dai giovani, le cui generazioni sono quelle più a rischio a causa della crisi ambientale e climatica: «Grazie ad una serie di iniziative, stimoliamo ragazze e ragazzi a portare il proprio contributo nella costruzione di una società più consapevole e sostenibile e a essere protagonisti nei processi decisionali relativi al clima e al proprio futuro – spiega Elena Jachia, direttrice Area Ambiente di Fondazione Cariplo –. Il Climate Action Summit è rilevante perché permette ai partecipanti di mettere le basi per costruire relazioni professionali tra innovatori sociali internazionali».

Innovazioni che nel caso di Edoardo non si fermano all’app Fontanelle d’acqua: «Insieme a due ragazzi del Politecnico stiamo sviluppando una piattaforma che utilizza l’intelligenza artificiale per aiutare gli agricoltori nella gestione delle risorse idriche. Il progetto è ancora in una fase iniziale, stiamo contattando più agricoltori possibili per farci conoscere e rendere più semplice il sistema di irrigazione dei campi, ormai molto cambiato rispetto a 20 anni fa». Un altro bel mattone per contribuire alla costruzione del muro della sostenibilità di cui la Terra ha disperato bisogno.

Che cos’è la app di Edoardo De Cal

Fontanelle d’acqua potabile è un’app completamente gratuita disponibile su App Store e Google Play Store che permette di trovare facilmente le fontanelle e risorse d’acqua pubbliche in tutti e 5 i continenti del globo. Ne sono censite più di 206mila e continuano ad aumentare grazie alle segnalazioni degli utenti. È l’app più popolare al mondo per trovare l’acqua potabile, questo perché è facile da usare, offre il più grande database di fontanelle e non mostra alcuna pubblicità.

L’app segnala automaticamente le fontanelle più vicine e la loro relativa distanza, così da consentire il raggiungimento veloce e facile della fontanella che interessa. L’interattività è garantita, nel caso si trovasse una fontanella non ancora censita, è possibile segnalare la sua esistenza per essere aggiunta alle migliaia già presenti nel database. Inoltre è possibile cambiare lo stile dei pin e dell’icona, in modo da rendere l’app più personale.

In breve

FantaMunicipio #13: da orti abusivi a spazi verdi. La nuova classifica

Un paio di sopralluoghi per gli spazi verdi in città hanno ridato attenzione a due aree della città su...