22.9 C
Milano
28. 06. 2022 04:54

Il questore di Milano sui cortei No Green Pass: “Da sabato vedremo un altro film”

Il questore di Milano Carlo Petronzi promette che da sabato si seguiranno altre regole per i cortei No Green Pass: assicurato il diritto a manifestare, ma anche quello ad esercitare le attività economiche in sicurezza

Più letti

«Da sabato vedremo un altro film». Così il questore di Milano Carlo Petronzi in un’intervista rilasciata a Repubblica, dove conferma la volontà di rispettare il diritto a manifestare il dissenso sempre – nello specifico riferendosi ai cortei No Green Pass – ma allo stesso modo ci deve essere il diritto a poter esercitare le proprie attività economiche in sicurezza. E nel pieno rispetto delle norme anti contagio per evitare che il virus riparta.

Cortei No Green Pass: «La partecipazione ai cortei milanesi sta diminuendo – dice il questore Petronzi – seguiremo le indicazioni del ministero dell’Interno».

Nella giornata odierna il Viminale emanerà una circolare con la quale si indicherà a prefetti e questori le nuove direttive da seguire in occasione di manifestazioni di protesta. Entreranno in vigore sin dal prossimo sabato e sembra che, in ogni caso, i cortei verranno sempre autorizzati, ma con modalità diverse, perché milioni di cittadini e commercianti non debbano essere costretti a subire l’assedio dei centri storici ogni sabato pomeriggio.

Carlo Sibilia sottosegretario all’Interno, intervistato dall’emittente milanese Radiopopolare, ha anticipato le indicazioni da seguire nel corso di una manifestazione, nello specifico riferendosi ai cortei No Green Pass: «Finché è statica si può fare, ovvio che non possono essere previsti cortei e soprattutto deve essere fuori dai centri storici, non possiamo pensare di chiudere ogni fine settimana strade importanti in Italia, come corso Buenos Aires a Milano o via del Corso a Roma, perché è un danno incalcolabile a quelle persone, la stragrande maggioranza degli italiani, che hanno deciso di seguire le regole e vogliono lavorare e riprendersi dopo la pandemia».

Nell’attesa che il Viminale vari le nuove regole per i cortei No Green pass in Italia, Petronzi ha dichiarato che da sabato 13 novembre senza un percorso realmente condiviso verranno consentiti solo «presidi statici».

«Dopo una lunga fase di studio di un fenomeno nuovo, le idee si chiariscono sempre più. Speriamo in una risposta anche più intelligibile per la città» – prosegue Petronzi a Repubblica – «Se non si raggiungerà un percorso realmente condiviso, si studieranno soluzioni che possano permettere loro di spiegare davvero le loro ragioni, invece di andare ad infastidire i poveri automobilisti e la collettività».

Infine il questore lancia ai manifestanti un avvertimento chiaro: «Eserciteremo ogni azione utile a far rispettare il progetto che ci daremo. Non vogliamo forzare. Ma se un presidio è statico, è statico».

 

 

spot_img

In breve

Milano, al Giambellino arrivano i lampioni smart contro rifiuti e soste irregolari

Una nuova ed impensabile nuova arma per contrastare i furbetti dei rifiuti: a Milano, per la precisione al Giambellino,...