4.4 C
Milano
30. 11. 2022 22:24

Stooping Milano: su Instagram si recuperano mobili e arredi lasciati per strada

L’idea, geniale, di due giovani studentesse del Politecnico

Più letti

Si chiama Stooping Milano, è un account Instagram e ha una funzione assai particolare: fotografare i mobili e gli arredi lasciati  la strada cercando di trovare loro una nuova collocazione per poterli recuperare. L’idea geniale è venuta in mente a Sara e Giulia, due giovani studentesse del Politecnico di Milano, che hanno deciso di importare quanto già avviene a New York e traslarlo sulla nostra città.

Stooping Milano, l’account Instagram che segnala mobili e arredi lasciati per strada che si possono recuperare

Quanto fa Stooping Milano è molto semplice: appena viene individuato un mobile, un arredo o anche un componente solo di questi due, viene immediatamente fotografato e raccolto. L’obiettivo è che passino da un proprietario all’altro. E così sul profilo Instagram si trova davvero di tutto: da una vecchia dispensa lasciata su un marciapiede di via Esterle a porticine in vetro e gli intarsi di legno; e ancora poltroncina gialla in via Paruta, tavolino da giardino in via Pergine e molto altro. Sara e Giulia, di fatto, si sostituiscono al lavoro quotidiano dell’Amsa, l’azienda locale di raccolta rifiuti, soprattutto quelli ingombranti, ma con una finalità diversa: perché l’Amsa compatta e butta tutto via, Sara e Giulia cercano di ridare vita e un nuovo padrone agli oggetti.

Stooping Milano
Stooping Milano

Accumulatici seriali,  ma per una buona causa

Sara e Giulia, giovani e con un’idea in testa: «Gli utenti ci inviano le segnalazioni. Fotografano i mobili per strada e ci indicano dove li hanno trovati – spiegano a Repubblica -. Noi li ripostiamo sul nostro account, specificando l’indirizzo. Chi ha bisogno di quel determinato arredo, può così prelevarlo». Studentesse toscane fuorisere, si definiscono accumulatrici seriali: «I nostri coinquilini non ci sopportano più. Non sappiamo più dove mettere gli oggetti». 

L’origine di Stooping Milano, tutto nato da uno specchio

E pensare che l’origine di Stooping Milano è stata uno specchio che hanno trovato in strada e hanno restaurato. Ora è un mobilio di Sara. In fondo l’idea è quella di utilizzare i social network anche per fini nobili, non solo per intrattenere, dando anche la possibilità a studenti e persone comuni di poter arredare casa senza spendere soldi. Inutile negare come il re delle segnalazioni sia lui, il materasso, l’oggetto per eccellenza lasciato in giro. E poi divani, scrivanie, tavoli. Tanto che Giulia e Sara hanno anche ideato gli Swap party, ritrovi per scambiarsi oggetti, accessori, capi d’abbigliamento. Il prossimo si terrà domenica alla Salumeria del Design in via Stazio.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Stooping Milano (@stooping_milano)

In breve

FantaMunicipio #12: Ied e Politecnico avanti tutta in città

Sono le università come Ied e Politecnico- e i progetti ad esse correlate - a spingere Milano in una...