6.5 C
Milano
28. 11. 2022 19:20

Arco della Pace, manifestazione ‘Slava Ukraini’: il messaggio di Milano (e della politica) contro la guerra

Dure parole del leader di Azione Carlo Calenda contro il capo del M5S Giuseppe Conte

Più letti

Si sta svolgendo in questi momenti la manifestazione ‘Slava Ukraini’ in sostegno del popolo ucraino convocata da Azione all’Arco della Pace a Milano. Un momento per ribadire la pace a favore del popolo ucraino senza la necessità di legarla al disarmo dei popolo attaccato, in contrapposizione con quanto sta avvenendo nelle stesse ora a Roma.

La manifestazione all’Arco della Pace per l’Ucraina

Tiene banco la polemica politica. Il leader del Terzo Polo, Carlo Calenda, a margine della manifestazione per la Pace a Milano ha parlato della manifestazione in corso a Roma: «C’è una definizione per Giuseppe Conte: si chiama qualunquismo, e nella cultura italiana il qualunquismo è di destra, non c’entra niente con la sinistra. Conte è stato con Salvini quando era putinista, è filo-Trumpiano, ha firmato la via della seta con i cinesi e poi ha deciso che è progressista. Adesso ha deciso che è pacifista, domani deciderà che è comunista e tra quattro giorni diventerà nazionalista. Voglio sapere cosa vuol dire l’ideale della pace, perché se l’ideale della Pace è disarmare gli ucraini è l’ideale della sottomissione. Tutti vogliamo la pace, ma da dove deriva la pace? Dalla libertà o dall’asservimento?”, ha ribadito Calenda dal palco della manifestazione

Da poco arrivata alla manifestazione per il popolo ucraino organizzata dal Terzo polo a Milano, Letizia Moratti ormai ex vicepresidente di Regione Lombardia ha salutato diversi esponenti di Azione e Italia Viva come Mara Carfagna e Mariastella Gelmini e ha poi stretto la mano sorridendo all’economista Carlo Cottarelli, possibile candidato del centrosinistra in Lombardia che Carlo Calenda ha ipotizzato ieri in ticket proprio con Moratti.

In breve

FantaMunicipio #11: proposte per la città, ripensiamole tutti insieme

Sempre più cittadini si ritrovano in strada per discutere delle problematiche di alcune aree e per cavarne fuori idee...