28.3 C
Milano
22. 05. 2022 18:55

Il padre di Tortu: «Prima dell’oro Filippo ha vinto contro il covid»

Il padre allenatore del velocista milanese racconta il percorso in salita che ha preceduto il trionfo olimpico

Più letti

La gioia della vittoria e, soprattutto, cosa l’ha preceduta. Perché il trionfo di Filippo Tortu nella staffetta 4×100 ha un retroterra di durissimo, con il covid comparso a pochi mesi dalle Olimpiadi che ha rischiato di compromettere l’avventura a Tokio: lo racconta in un’intervista al Corriere della Sera Salvino Tortu, padre e allenatore del campione.

«Il Covid è una brutta bestia Filippo l’ha patito tanto»

«Il Covid è una brutta bestia – ha affermato nell’interista – Filippo l’ha patito tanto. A gennaio ha perso 3-4 chili, a marzo abbiamo ricominciato la preparazione da capo. Il progetto iniziale della stagione era puntare alla finale olimpica dei 200. Succede sempre qualcosa che ci costringe a cambiare i programmi. Durante il lockdown ci siamo allenati in un bosco accanto a casa e non puoi preparare un’Olimpiade così».

«Ci sarà sempre qualche scienziato che ci rimprovererà di non aver corso i 200»

C’è anche una riflessione sulla medaglia persa: «Ci sarà sempre qualche scienziato che ci rimprovererà di non aver corso i 200», dice Salvino che si è soffermato anche sull’oro di Jacobs nei 100: «Non lo definirei uno choc, Filippo non l’ha vissuto così. È stato di stimolo».

In breve

Milano, al Giambellino arrivano i lampioni smart contro rifiuti e soste irregolari

Una nuova ed impensabile nuova arma per contrastare i furbetti dei rifiuti: a Milano, per la precisione al Giambellino,...