22.9 C
Milano
20. 08. 2022 00:54

Milano-Genova, un viaggio senza fine per il mare: in coda a passo d’uomo

Secondo weekend d'estate e nuovamente code infinite in direzione Liguria

Più letti

“Tutti al mare”. Beh, non proprio. Il secondo weekend d’estate per i milanesi desiderosi di raggiungere la Liguria è stato una fotocopia di quello precedente: lunghissime code per raggiungere Genova. In alcuni tratti si procedeva a passo d’uomo con una velocità non superiore ai 4 km/h.

Cantieri infiniti. I milanesi che si apprestano a partire devono fare i conti con un’infinità di cantieri. Quelli sul tratto di Pavia, poi verso ad Alessandria ed infine la zona più critica una volta varcato il confine ligure. Lo scenario è “apocalittico”: le carreggiate ridotte ad un’unica corsia e i cartelloni dell’Anas che sembrano prendersi gioco degli automobilisti invitando alla “prudenza”.

I turisti c’entrano poco con questa situazione. Hotel di prim’ordine e seconde case sono quasi tutte vuote: chi ha voglia d’incolonnarsi per mezza giornata e per qualche ora di spiaggia?

«Io ho messo i miei dipendenti in smart working, come nelle settimane del Covid, e a Genova non ci vengo proprio – spiega Gian Enzo Duci, 46 anni, il presidente degli agenti marittimi di tutt’Italia -. In questo weekend di solito c’era il picco delle code ai traghetti. Invece ora sono a mezzo servizio e le code sono in autostrada. Il post-pandemia qui non c’entra. Il problema dura almeno da dicembre, ed è drammatico se perfino i nostri associati più grandi, come i cinesi della Cosco, stanno pensando a porti e a percorsi alternativi».

Treni. Non se la passa meglio chi opta per i treni: code e ritardi per il troppo afflusso. Anche in questo caso la situazione è paradossale. In Lombardia il distanziamento all’interno dei vagoni è obbligatorio, mentre in Liguria no. Di conseguenza si assiste a scene che sarebbero “esilaranti” se non fossimo ai tempi del Covid: treni in marcia con altri treni che li seguono subito dopo, per raccattare nelle singole stazioni i passeggeri in eccesso, quelli costretti a scendere appena entrano in territorio lombardo.

Proteste. I sindaci dei paesi della Riviera Ligure e il presidente Toti continuano a lamentarsi ed affermare che stanno rimanendo isolati con tutti questi cantieri.

«Ci sono 285 gallerie da monitorare, 350mila metri quadri d’onduline da revisionare – racconta polemico Massimo Schintu, che rappresenta i concessionari autostradali – . Benissimo. Ma queste ispezioni liguri valgono anche nel resto d’Italia? L’Anas le smonta, le onduline delle sue gallerie? E i Comuni e le Province le smontano?».

In breve

Milano, al Giambellino arrivano i lampioni smart contro rifiuti e soste irregolari

Una nuova ed impensabile nuova arma per contrastare i furbetti dei rifiuti: a Milano, per la precisione al Giambellino,...