25.6 C
Milano
23. 07. 2024 10:47

Parla la vittima di Massari: «Pensavo che mi ammazzasse»

La donna che ha accusato di stupro Paolo Massari ha raccontato l'intera vicenda ai microfoni del Corriere della Sera

Più letti

L’ imprenditrice 56enne che accusa Paolo Massari, giornalista ed ex assessore, di stupro ha rilasciato alcune dichiarazioni al Corriere della Sera.

L’aperitivo. I fatti hanno inizio presso il Bar Basso di Viale Abruzzi dove i due ex compagni di scuola – entrambi frequentavano il liceo Parini – si sono incontrati per un aperitivo. «Sono imprenditrice e Paolo aveva proposto un articolo di approfondimento sul mio mondo – ha raccontato la donna -. Come molti, come moltissimi, sto pagando un prezzo alto alla pandemia, il lavoro non c’è, si fa fatica, le prospettive sono preoccupanti. Ho accettato così l’aperitivo e l’ammetto, è stato un momento piacevole».

Lo stupro. Attualmente la polizia sta indagando sui fatti basandosi sulla testimonianza della donna, i referti medici e anche le macchie di sangue rinvenute sul divano di Massari. Secondo quanto appreso Massari avrebbe portato la donna nella sua abitazione con la scusa di lasciare il motorino e prendere la macchina in vista del temporale.

«Paolo ha avuto una velocissima metamorfosi, ha iniziato a dare ordini e pretendere che li eseguissi, mi ha umiliata, voleva che fossi la sua schiava – ha continuato il racconto la donna -. Aveva quel ghigno. Ero da un lato bloccata, paralizzata, e dall’altro ho deciso di gestire la situazione, di cercare di controllarla per quanto potessi, avevo quel pensiero fisso, sempre lo stesso: “Mi ammazza”. All’improvviso, forse appagato, si è fermato e ha acceso una sigaretta. La saracinesca del box, adiacente il seminterrato, aveva un pertugio alla base, non so neanche come sia riuscita a passarci, ma ci sono riuscita, ho percorso un vialetto, sono sbucata in strada. Lui era alle mie spalle, sullo sfondo. Calmo, rilassato. Ripeteva: “Rientra, non far la matta”. Non mi stupirei se ci fossero state altre donne».

Le paure. Il timore più grande della donna è quello di non essere creduta. «Ho sentito e mi hanno riferito strane voci che stanno circolando negli ambienti mediatici e non soltanto in quelli – ha ancora aggiunto -. Voci secondo le quali mi starei inventando tutto, poiché il rapporto sarebbe stato consenziente, starei esagerando in relazione a chissà quale perfida macchinazione. Ma scusate un po’, il tutto a quale vantaggio? Quale? Io tremo all’idea che possa uscire il mio nome, che i miei genitori vengano a saperlo».

 

 

In breve

Il Municipio 1 vince il FantaMunicipio 2024, il presidente Abdu: «Tuteliamo le identità dei singoli quartieri»

Il FantaMunicipio di Mi-Tomorrow di quest’anno ha visto trionfare il Municipio 1 guidato dal 2021 dal presidente Mattia Abdu...