4.2 C
Milano
22. 01. 2021 19:11

Ats Milano, arrivano i primi risultati dei test sui vacanzieri. Novità in vista per Linate

Tutti i dati emersi sui vacanzieri rientranti da Spagna, Grecia, Croazia e Malta, sottoposti a tampone

Più letti

Bollettino regionale, torna a scendere il tasso di positività: Milano, +203 contagi

I positivi riscontrati nelle ultime 24 ore sono 1.969, di cui 112 “deboli”, con la percentuale tra tamponi eseguiti...

Salvini: «Zona rossa in Lombardia? Siamo davanti ad un sequestro di massa»

Un nuovo capitolo nella saga sulla zona rossa tra Regione e Governo. Spunta l'ipotesi di un errore di invio...

Zona rossa, colpo di scena: la Regione avrebbe inviato i dati Rt errati. Fontana: «Mai dato informazioni sbagliate»

Un nuovo colpo di scena sulla questione zona rossa in Lombardia. Secondo alcuni indiscrezioni riportate dall'Ansa, i tecnici della...

Sono arrivati i primi risultati dei test effettuati sui vacanzieri rientranti dai quattro paesi a rischio indicati nell’ordinanza ministeriale del 12 agosto. Su 766 campioni analizzati, 29 risultano positivi di cui 11 “debolmente positivi”.

I contagi. In percentuale è risultato positivo il 3,8 % dei vacanzieri rientranti, in particolar modo quelli provenienti dalla Spagna e dalla Grecia.

Tuttavia anche prima dell’ordinanza erano emersi casi di positività che erano stati individuati grazie al contact tracing. Infatti nei primi giorni di agosto si erano registrati 11 nuovi casi legati tutti a comitive di ragazzi che avevano preso parte a viaggi organizzati in Croazia.

Troppe richieste. Nonostante i primi risultati, le richieste da evadere sono tantissime: solo l’Ats milanese ha ricevuto 14.000 prenotazioni. Dalla Regione hanno promesso l’intensificazione dei controlli che porterà ad effettuare 6.000 tamponi in più al giorno.

Il direttore dell’Ats milanese, Vittorio Demicheli, è però preoccupato, e teme un sovraccarico delle strutture sanitarie con conseguenti difficoltà nella gestione dei controlli. «Ho confrontato i dati, Malta e Croazia hanno meno persone contagiose di Italia e Francia — spiega Demicheli, epidemiologo oltre che direttore sanitario dell’Ats di corso Italia —. Il nodo è il comportamento della gente: si devono evitare aggregazioni e dove possibile le convivenze con molte persone». A suo giudizio, il provvedimento ministeriale «avrà un’efficacia limitata e affaticherà i nostri servizi di prevenzione».

Aeroporti. Nonostante l’assessore Gallera abbiamo incolpato Sea e ministero per i ritardi sui tamponi in aeroporto, domani partiranno i test a Malpensa, dove sono state adibite tre postazioni in cui verranno effettuati gli screening.

Lo scalo di Linate era stato invece escluso a causa della presenza di spazi limitati, ma secondo alcune voci, le quali devono trovare ancora una conferma ufficiale, da venerdì potrebbero partire i test anche al Forlanini.

In breve

Prosegue l’occupazione del Virgilio: le Brigate “tamponano” gli studenti

Il buongiorno a Milano ha il gusto della protesta: il bersaglio è sempre il medesimo, ovvero la DAD. Questa...

Potrebbe interessarti