La bicicletta fa bene. Dal punto di vista della salute fisica è cosa nota. Ma la bici è anche uno strumento di socializzazione, di riabilitazione, di reinserimento sociale e, naturalmente, di lotta contro l’inquinamento urbano.

A Milano e hinterland operano alcune realtà che coniugano la riparazione delle bici con la “riparazione dell’anima”. Si tratta di ciclofficine che, oltre a gonfiare ruote, sostituire freni, aggiustare telai, insegnano il mestiere a clienti di passaggio, ma anche a persone in cerca di occupazione, che attraverso la ciclo-meccanica possono riacquistare fiducia in loro stessi se si trovano in momenti di difficoltà economica e non solo.

biCi siamo anche noi: inclusione sociale

Presso la Velostazione di Cormano-Cusano Milanino c’è la Ciclofficina Sociale: insegnando ad aggiustare e assemblare biciclette «miriamo a promuovere l’inclusione sociale e l’inserimento formativo-professionale di persone con fragilità psichica, o genericamente in condizione di disagio», spiegano Facebook.

Ma la Ciclofficina Sociale, legata all’associazione La Movida, è anche molto altro: organizza soggiorni educativo-riabilitativi in Italia e all’estero e nella sua sede offre il Bike Surfing, un bike sharing gratuito con mezzi assemblati grazie a componenti recuperati da vecchie due ruote.

Inoltre si occupa di un progetto in Tanzania che si chiama Baiskeli: la scorsa estate ha contribuito alla costruzione di una officina nel Paese africano formando apprendisti ciclo-meccanici, perché in quei luoghi la bici è un mezzo fondamentale per facilitare l’accesso a scuole e ospedali o per distribuire merci e medicine.

biCi siamo anche noi: disabilità

A San Donato, in via Giuseppe di Vittorio, dal 2017 c’è BiciclettiAMO, ciclofficina creata dall’Onlus Milanese AIAS. Lo spazio è gestito da educatori e da ragazzi con disabilità o disagio sociale. È aperto al giovedì e al sabato ed è rivolto ad adolescenti e preadolescenti del territorio. BiciclettiAMO intende anche sensibilizzare la cittadinanza verso l’uso della bicicletta in rispetto dell’ambiente.

biCi siamo anche noi: a trazione umana

La Ciclofficina Stecca di via De Castillia 6 (zona Isola), gestita dall’associazione +BC, si definisce «officina popolare, un luogo di incontro dove si progettano e si realizzano nuove forme di veicoli a trazione umana». L’associazione mette a disposizione gli attrezzi, i pezzi base e l’esperienza.

Il resto lo devono fare i “clienti”, che possono acquistare a prezzi modici altri componenti per mettere insieme la loro bicicletta, ma che possono portarsi da casa anche i loro pezzi («Non si offende nessuno», specificano sulla loro pagina web).

I ragazzi di +BC organizzano corsi in sede, ma escono volentieri anche dal loro covo, disponibili ad allestire “ciclofficine di strada”, insegnando l’arte della riparazione e assemblaggio durante raduni e feste di quartiere. A Milano e dintorni ci sono anche diversi altri spazi che sposano la stessa filosofia di quelli appena descritti. Abbiamo contato una quindicina di ciclofficine. Mica male.

biCi siamo anche noi
biCi siamo anche noi