6 C
Milano
15. 01. 2021 16:47

Conte firma il nuovo Dpcm: confermata la chiusura dei ristoranti

Il premier Conte ha firmato il nuovo Dpcm: tutte le novità

Più letti

Campagna d’odio contro Silvia Romano: la procura di Milano archivia le indagini

L'indagine sulla campagna di odio contro Silvia Romano, la cooperante rapita in Kenya e rilasciata lo scorso 9 maggio...

Milano, licei occupati. L’asssemblea degli studenti: «La DAD non può essere scuola»

Nella giornata di oggi gli studenti del liceo scientifico e linguistico Severi-Correnti hanno simbolicamente occupato il cortile della scuola....

Chi apre? I ristoranti riaccendono le insegne: oggi la “rivolta” di “IO APRO 1501”

Com’è ormai consuetudine nell’era digitale, tutto è nato sui social. In pochi giorni un tam tam che si è...

Il presidente del Consiglio Giuseppe Conte ha firmato il nuovo Dpcm che entrerà in vigore da domani, lunedì 26 ottobre e resterà in vigore fino al 24 novembre.

Le nuove misure. Il comitato tecnico scientifico ha ribadito l’utilità del provvedimento sui ristoranti, ma concedendo loro la possibilità di rimanere aperti la domenica e nei giorni festivi. «L’ apertura domenicale dei ristoranti può essere utile per limitare le riunioni familiari», scrive il Cts in una nota.

Tuttavia resta fissata alle 18 la chiusura dei locali. Per quanto riguarda i centri commerciali, e le attività di ristorazione presenti al loro interno, resterà il divieto d’apertura nei fine settimana.

Dopo le 18 sarà vietato anche il consumo di cibi e bevande in luoghi pubblici al fine di vietare assembramenti. E’ consentita fino alle ore 24,00 la ristorazione con asporto, con divieto di consumazione sul posto o nelle adiacenze.

Sport. Saranno garantite solo le manifestazione sportive d’interesse nazionale. Le attività dilettantistiche relativa agli sporti di contatto saranno sospese fino al 24 novembre, data in cui scadrà il Dpcm. Sospesi anche gli allenamenti delle scuole calcio e di tutte le altre attività sportive dilettantistiche di contatto. Chiudono anche piscine e palestre.

Spostamenti. Nel testo si legge anche che «è fortemente raccomandato a tutte le persone fisiche di non spostarsi, con mezzi di trasporto pubblici o privati, in un comune diverso da quello di residenza, domicilio o abitazione, salvo che per comprovate esigenze lavorative, di studio, per motivi di salute, per situazioni di necessità o per svolgere attività o usufruire di servizi non sospesi e non disponibili in tale comune». Nonostante le raccomandazioni, gli spostamenti tra Regioni e tra Comuni restano liberi.

Scuola. Gli istituti primari fino alle medie continueranno a seguire le lezioni in presenza. Per quanto riguarda invece licei ed istituti di secondo grado verrà attivata per il 75% la didattica online, mentre solo il 25% degli studenti seguirà su turni le lezioni in presenza.

Teatri e cinema. Cinema, teatri e sale da concerto dovrebbero chiudere nuovamente i battenti. Lo stesso avverrà per sale scommesse, bingo e sale slot.

Chiusura strade. «Delle strade o piazze nei centri urbani – si legge in una nota del testo-, dove si possono creare situazioni di assembramento, può essere disposta la chiusura al pubblico, dopo le ore 21,00, fatta salva la possibilità di accesso, e deflusso, agli esercizi commerciali legittimamente aperti e alle abitazioni private».

Qui sotto il testo integrale del Dpcm.

nuovo dpcm

 

 

 

In breve

DAD, non è ancora finita: gli studenti occupano altri licei a Milano

La protesta degli studenti contro la DAD non si placa. Dopo lo spiraglio aperto dalla sentenza del Tar dei...

Potrebbe interessarti