2.3 C
Milano
20. 01. 2021 14:09

In corsia come al fronte: i disagi psichici diventano una costante per medici ed infermieri

Uno studio rivela le cicatrici lasciate dalla pandemia su medici ed infermieri: i dati

Più letti

Sala presenta la nuova mappa di Atm: «A Milano spostamenti più sostenibili»

Nelle stazioni milanesi è iniziato a comparire la nuova mappa delle linee della metropolitana. A darne l'annuncio anche il...

Il Comune attacca l’Amsa: «Dove finiscono i proventi della vendita della differenziata?»

È scontro tra il Comune e l'Amsa. In consiglio comunale la denuncia è partito dal banco del presidente della...

Zona rossa in Lombardia, si abbreviano i tempi? Speranza smentisce: «Non faccio accordi»

Si attendono con ansia gli esiti del ricorso al Tar presentato dal governatore Attilio Fontana. La Lombardia resterà in...

«Quando tutto questo finirà, chiunque lavori oggi in un ospedale avrà delle pesanti cicatrici dentro, queste sì paragonabili a quelle lasciate da una guerra, o da una catastrofe», raccontava un medico in un’intervista di alcuni mesi fa. A confermare quella che sembravo soltanto un’ipotesi all’epoca uno studio condotto dagli specialisti dell’ospedale «Sacco», del «Policlinico» e della «Statale» .

I dati. Secondo quanto emerso dallo studio il 40% degli oltre 650 medici, infermieri, assistenti e tecnici di laboratorio coinvolti nell’indagine soffrirebbe di un “disturbo da stress post-traumatico”.

Scendendo nei dettagli sono le donne ad avere una probabilità maggiore di entrare in tale condizione, così come la categoria più colpita in questi mesi è stata quella delle infermiere e delle assistenti socio-sanitarie.

disagi mentali medici

La patologia. Il disturbo da stress post-tramautico è una forma di disagio mentale che fu riscontrata per la prima volta ai reduci della guerra in Vietnam. Chi è affetto da tale disturbo è costretto in un certo senso a rivivere l’esperienza traumatica. I sintomi che si manifestano sono: difficoltà nel controllo delle emozioni, irritabilità, depressione, ansia, insonnia.

Lo relazione dello studio si apre non a caso così: «Il personale sanitario ha sperimentato condizioni di lavoro estreme, con sovraccarico di lavoro, esposizione al rischio di contagio, cambiamento nelle mansioni, pazienti in condizioni critiche, mancanza di supporto. A livello privato, non hanno avuto tempo di riposo o svago, e molti hanno rinunciato alla vita familiare per paura di diffondere il contagio».

 

In breve

Il Comune attacca l’Amsa: «Dove finiscono i proventi della vendita della differenziata?»

È scontro tra il Comune e l'Amsa. In consiglio comunale la denuncia è partito dal banco del presidente della...

Potrebbe interessarti