2.5 C
Milano
16. 01. 2021 21:26

Il caos del “Decreto Ponte”: un vademecum per non sbagliare

Nel nuovo decreto le restrizioni varieranno giorno per giorno: un'utile guida per non confondersi

Più letti

Covid, panico per la nuova variante brasiliana. Pregliasco: «Ogni variante inquieta, veloci con i vaccini»

Dopo la variante inglese e quella sudafricana, una nuova mutazione del virus preoccupa l'opinione pubblica: si tratta della versione...

Bollettino regionale, riprende la lenta discesa delle terapie intensive: Milano, +365 contagi

I positivi riscontrati nelle ultime 24 ore sono 2.134, di cui 114 “deboli”, con la percentuale tra tamponi eseguiti...

I dubbi del Dpcm: è possibile andare nelle seconde case fuori Regione?

Uno dei principali dubbi del Dpcm appena entrato in vigore resta la possibilità di raggiungere le seconde case. È...

In serata è arrivata anche la firma del Presidente Mattarella sul decreto legge con le misure anti-Covid approvate nella notte di lunedì dal Consiglio dei ministri. L’unica certezza è solo ciò che accadrà fino al 15 gennaio. Ecco le nuove restrizioni giorno per giorno.

Epifania, 6 gennaio. Zona rossa con divieto di spostamento se non per motivi di necessità, salute e lavoro, per ricongiungimenti familiari o per fare visita ad amici o parenti una sola volta al giorno, con autocertificazione. Previste tutte le altre disposizioni del massimo livello di contenimento che abbiamo imparato a conoscere in questi 10 mesi.

Giovedi 7 e venerdi 8 gennaio. Si torna in zona gialla, ma con divieto di spostamento tra regioni, salvo i consueti casi previsti. Ci si potrà muovere all’interno della propria regione. Coprifuoco sempre dalle 22 alle 5 dell’indomani. Bar e ristoranti potranno riaprire in quei due giorni fino alle ore 18, poi solo asporto fino alle 22 e consegna a casa. Negozi aperti fino alle 20, via libera anche ai centri commerciali.

Sabato 9 e domenica 10. Si cambia colore e si torna in arancione. Molto probabilmente sarà così per igni weekend di gennaio. Vietato muoversi da regione e da comune, tranne le consuete eccezioni anche per centri con meno di 5 mila abitanti (in un raggio di 30 chilometri), sempre con autocertificazione. Bar e ristoranti aperti, ma solo per asporto e consegna a domicilio. Negozi aperti, centri commerciali chiusi.

Da lunedì 11 a venerdì 15 gennaio. Tutto dipenderà dai colori attribuiti ad ogni Regione. Le nuove fasce di rischio stabilite su parametri di rischio più restrittivi (zona arancione con Rt>1 e zona rossa con Rt>1,25) verranno definite dal ministro Speranza l’8 gennaio.

Saranno in ogni caso vietati gli spostamenti tra regioni, anche gialle. Nelle zone rosse la deroga agli spostamenti per due persone per andare a trovare amici o familiari è limitata al comune e non più alla regione come le feste di Natale.

In breve

Milano, la zona rossa non ferma la protesta: gli studenti occupano il liceo Vittorini

Non c'è pace per gli studenti a Milano. La zona rossa ha spento le speranze suscitate dall'ultima sentenza del...

Potrebbe interessarti