6.7 C
Milano
15. 04. 2021 07:48

Discoteca ai Navigli, Sala: «È inutile chiedere dove fossero i vigili. Di più non si poteva fare»

Il sindaco Sala risponde alla pioggia di critiche per gli assembramenti di ieri sera davanti alla Darsena

Più letti

Bollettino regionale Covid: tasso di positività al 4,2%, intensive -6, ricoveri -138, decessi +85

I positivi al Covid-19 riscontrati nelle ultime 24 ore in Lombardia sono 2.153 con la percentuale tra tamponi eseguiti...

L’industria musicale: «Via libera al calcio? Una farsa»

«Se è possibile accedere in uno stadio con 16mila persone per il calcio deve essere possibile anche per un...

Il giorno del vaccino: cronaca di un’esperienza diretta

Non solo code chilometriche di anziani ammassati in fila, magari sotto la pioggia, per ricevere il vaccino contro il...

Il sindaco Beppe Sala ha risposto alle critiche sugli assembramenti visti ieri sera ai Navigli con tanto di discoteca improvvisata all’area aperta. Il primo cittadino ha affidato la sua difesa ad un post su Facebook.

Il post. «Ieri sera intorno ai Navigli e alla Darsena c’erano migliaia e migliaia di persone – scrive Sala sui social -. Le forze dell’ordine, tra quelle coordinate dalla Questura e quelle del Comune, erano pari a circa 200 unità (il numero l’ho ricevuto dal Prefetto). E, che piaccia o no, di più non si poteva metterne, perché la città è grande e va gestita nella sua interezza. Questa è la realtà. Sarebbe stato meglio chiudere nel pomeriggio la Darsena? Ma secondo voi, chi stava in giro sarebbe stato a casa o sarebbe andato da qualche altra parte? Avete idea di quanti luoghi cittadini raccolgono la sera persone che si aggregano?».

Il sindaco ha puntato poi il dito contro il senso di responsabilità dei cittadini. «E poi, ci lamentavamo quando il Governo precedente decideva dalla sera alla mattina il cambio di “colore” – prosegue -, ora che la decisione viene comunicata tre giorni prima vedete tutti cosa succede.  Di fronte a questi dati di realtà, la maggior parte dei commenti sono sulla mancanza delle forze dell’ordine. Io però sto dalla loro parte, dalla parte di uomini e donne che sono lì a lavorare e non dalla parte di chi non tiene un comportamento adeguato alla grave crisi sanitaria che stiamo attraversando. Ma se viene meglio scrivere a lettere cubitali “DOVE ERANO POLIZIOTTI E VIGILI?” cosa volete che vi dica? Solo che continuerò a lavorare, a metterci la faccia. Con pazienza, dedizione e misura, come il mio ruolo richiede».

Sala ha volute concludere riprendendo le parole pronunciate nel video pubblicato nella giornata di ieri: «Un’ultima riflessione. L’ho detto ieri, con questa terribile pandemia se non si rispettano le regole poi si paga pegno. Così probabilmente sarà e purtroppo le conseguenze ricadranno su tutta la comunità».

In breve

Maran: «Prorogare gratuità dell’occupazione del suolo pubblico per tutto il 2021»

«Ribadisco che è fondamentale che il Governo proroghi la gratuità dell'occupazione suolo pubblico per tutto il 2021 con i...