17.9 C
Milano
07. 05. 2021 12:36

Fallimento Aria Spa, Guido Bertolaso: «Mi ero accorto che qualcosa non funzionava»

Il consulente per la campagna vaccinale fa il punto sulla delicata situazione che sta attraversando la Lombardia

Più letti

La giornata di ieri è stata un vero e proprio terremoto per la Lombardia. Dopo le numerose falle del sistema di prenotazione dell’azienda regionale Aria Spa, il governatore Fontana ha deciso di azzerrare il cda. Si va verso la figura di un amministratore unico, ovvero l’attuale dg Lorenzo Gubian. Nel frattempo per evitare altri disguidi gli anziani prenotati fino al 2 aprile verranno contatti telefonicamente da un call center.

La situazione ha creato non poco imbarazzo alla Regione accendendo le protete delle opposizioni: è stata lanciata anche una petizione per chidere il commissariamento della Lombardia. A parlare dell’attuale delicata situazione anche il consulente per la campagna vaccinale Guido Bertolaso.

Le dichiarazioni. «Mi ero accorto che qualcosa non funzionava il giorno che abbandonarono 300 anziani convocati per errore – ha dichiarato Bertolaso in un’intervista al Corriere -. Ma le sembra possibile che qualcuno non venga chiamato ed altri mandati a 60 chilometri da casa per farsi vaccinare? Era un sistema che funzionava male e andava cambiato: siamo atterrati su Marte, non possiamo non gestire delle prenotazioni via sms».

Il fallimento di Aria è diventato immediatamente oggetto di scontro politico. «L’emergenza sanitaria non può avere bandiere – ha aggiunto il consulente -. Nella mia vita ho lavorato con 4.500 sindaci e non mi sono mai chiesto di che partito fossero. Nessuno crede che in questo Paese si possa seguire un ideale comune».

La campagna vaccinale comunque prosegue e bertolaso fissa una data per il termine delle somministrazioni agli over 80:«Posso promettere che entro l’11 aprile tutti gli over 80 saranno vaccinati. Il piede è sull’acceleratore. Ma già ora in Lombardia sono stati vaccinati un quinto del totale italiano: stiamo rispettando le proporzioni. I numeri non si possono manipolare».

Tuttavia ammette implicitamente di non avere quei “superpoteri” che in tanti gli attribuivano. «Ma qui non sono nessuno – ha concluso Bertolaso -: non posso firmare un pezzo di carta, non posso stanziare un euro. Dovrei stare all’ultimo piano di Palazzo Lombardia a dire cosa mi sembra giusto o sbagliato. Invece sono qui a incastrare numeri. A rispondere ai cittadini. Con un po’ di autorevolezza, ma senza autorità».

In breve

Milano, le Comunali si giocano anche sul tema della maternità: posizioni a confronto

La festa della mamma è l’occasione per considerare come le istituzioni stiano lavorando per agevolare le maternità. Dalle interviste...