11.4 C
Milano
26. 10. 2021 23:14

Festa Inter, la profezia dei virologi non si avvera: nessun aumento dei contagi a Milano

A distanza di tre settimane non si registra un cambio di tendenza nella curva dei contagi

Più letti

Esattamente tre settimane fa i tifosi interisti invadevano le vie di Milano e si assembravano, dimenticandosi le basilari regole di distanziamento, in piazza Duomo. Da quel momento i vari virologi paventarono la possibilità di un aumento dei contagi a distanza di 14 giorni. Come sono andate realmente le cose?

Nonostante la Festa dell’Inter nessun aumento dei contagi

A distanza di due settimane non si erano ancora registrati particolari aumenti nella curva dei contagi. Tuttavia per verificare l’inefficacia della catena di contagio era necessario aspettare i fatidici 21 giorni.

«Bisogna aspettare ancora una settimana per esser certi che da quell’occasione non si sia innescata alcuna catena di contagio – affermava sette giorni fa Cesare Cislaghi, ex docente della Statale ed ex presidente dell’Associazione italiana di epidemiologi -, ma possiamo dire che i giusti timori avuti quel giorno per fortuna non si sono concretizzati».

festa inter

A distanza di tre settimane si può ufficialmente affermare che gli assembramenti di inizio maggio non hanno portato a conseguenze sulla situazione epidemiologica. Un po’ come già visto a Napoli, in occasione della morte di Maradona, le preoccupazioni si sono concretizzate in un nulla di fatto.

Inoltre, non volendo gli assembramenti per la festa dell’Inter hanno funzionato da esperimento scientifico. «C’è un fatto che emerge con interesse e da tenere in considerazione — sottolineava sempre il decano degli epidemiologi italiani —. È sempre più evidenziato il rischio di contagio non solo legato al droplet, ma anche del virus in sospensione in ambienti chiusi. Ora si sta cominciando a vedere questo in maniera sempre più “solida”. E ci conferma l’importanza di evitare il più possibile le riunioni in luoghi chiusi e di aumentare l’aereazione».

In breve

“Missile a Salvini”, il giudice archivia: «Un elemento d’arredo»

Il giudice per le indagini preliminari Roberto Crepaldi ha archiviato, su richiesta del pubblico ministero, l'indagine avviata dalla Digos di...