festival dell'amore
festival dell'amore

Da Base alla Triennale; dal mese simbolo dell’amore, febbraio, ai bollenti spiriti di giugno: dopo il successo del debutto, torna a Milano da domani a domenica il Festival dell’Amore, organizzato dall’agenzia Piano B e germogliato da un’idea del suo direttore Mario Viscardi, del filosofo Franco Bolelli e della scrittrice Manuela Mantegazza.

Cambia lo spazio-tempo, non la dimensione della rassegna, che resta una festosa celebrazione dell’amore inteso come grande impresa, potenza vitale che nutre quotidianamente, in modo più o meno esplicito, la nostra esistenza. L’amore come modello di vita, come missione da portare avanti con tenacia fino alla vittoria, sconfiggendo quel clima di cinismo, disincanto, risentimento e ostilità che ammorba le attuali relazioni umane.

Operare, insomma, nel presente per disegnare un futuro migliore: per farlo, si allestisce nuovamente un palcoscenico aperto e partecipativo dove artisti, filosofi, musicisti e pubblico si alternano per raccontare le loro storie e visioni d’amore; uno spazio interattivo dove dichiararsi, celebrare unioni e “giocare” per tre giorni con l’amore, affermando la potenza dei sentimenti e delle passioni.

Si conferma ricco e intrigante il cartellone degli eventi tra talk, reading, spettacoli, concerti, dj-set, maratone di film e iniziative speciali per tutti i gusti e le età. Tanti gli ospiti: da Morgan a Umberto Galimberti, da Noemi alla presidente di Emergency Rossella Miccio, passando per Syria, Frankie Hi Nrg, Caterina Caselli, Boosta, l’architetto Stefano Boeri, le youtuber Sofia Viscardi e Greta Menchi, il team de Il Milanese Imbruttito.

Accanto ai numerosi vip (ben ottantasei) che descriveranno le loro visioni dell’amore, il Festival metterà anche in scena e darà voce a tutti coloro che avranno voglia di dire qualcosa. Il programma completo e tutte le informazioni su ilfestivaldellamore.it.

Il Festival dell’Amore

Quando
Dal 7 al 9 giugno 2019

Orari
Venerdì dalle 19.00 all’1.00
Sabato e domenica dalle 11.00 all’1.00

Dove
Triennale, viale Alemagna 6

Per arrivare
M1-M2 fermata Cadorna Triennale

Ingresso
Gratuito

Informazioni
ilfestivaldellamore.it

LA NOSTRA TOP 5

Human Library
Creare empatia attraverso esperienze culturali innovative e anche spiazzanti, occasione per “forzare il blocco” e avviare un circolo virtuoso di conoscenza, apertura e, quindi, inclusione: Fondazione Empatia Milano mette in scena un ricchissimo catalogo di libri umani, persone con un vissuto da raccontare che saranno a disposizione del pubblico per essere ascoltati.
Quando: sabato e domenica dalle 12.00 alle 17.00

Your Love Energy
Non solo main sponsor: Sorgenia accoglie il pubblico al Teatro dell’Agorà con l’installazione Your love energy. Ideata da Mario Viscardi e sviluppata da Amigdala, grazie all’intelligenza artificiale l’installazione riconosce, traduce e amplifica le emozioni in luci e musica. Si partecipa ascoltando un racconto d’amore e, in base alle reazioni del volto e delle trasformazioni chimiche del corpo, lo spazio si riempie di colori, suoni e luci che rappresentano l’intensità e il cambiamento dei sentimenti, il tutto sulle note di una Love Story reinterpretata in chiave sperimentale. Da provare.
Quando: sabato e domenica negli orari d’apertura

Sogni d’amore
Ad accogliere (e stupire) i visitatori all’ingresso della Triennale c’è questa installazione partecipativa: un letto ospita coppie di attori e volontari del pubblico che dormono abbracciati tra le lenzuola. Un inno all’amore e all’intimità per contagiare fin da subito il pubblico con l’atmosfera del Festival. I visitatori possono prenotare prima, o direttamente al Festival, la loro mezz’ora nel letto, e diventare così coprotagonisti dell’installazione vivente.
Quando: venerdì dalle 19.00 all’1.00, sabato dalle 10.00 all’1.00, domenica dalle 10.00 alle 22.00

Try Creampie. Vuoi venire a letto con me?
Si rinnova l’appuntamento con la coinvolgente e intima performance teatrale di Animanera. Gli spettatori, a gruppi di dieci, sono invitati a occupare un letto ciascuno: in ogni letto, un attore interpreta un testo letterario in esclusiva intimità con l’ospite, coccolandolo con gesti e parole, e facendolo così sentire parte integrante e attiva della performance. Uno spettacolo partecipativo, un viaggio intimo e coinvolgente nelle più segrete pieghe dei sentimenti e delle emozioni, accompagnato dalle più belle parole d’amore della storia della letteratura del ‘900.
Quando: sabato e domenica, su prenotazione, dalle 16.00 alle 19.00

Liberi matrimoni
Il Salone d’Onore della Triennale si trasforma in una grande sala delle feste, in cui La Pina, Diego e la Vale tornano a celebrare liberi matrimoni all’insegna del vero amore a 360°, senza restrizioni di età, sesso o religione. A disposizione degli sposi, per personalizzare il proprio look da matrimonio, 72 originali creazioni degli studenti Naba. Alla fine di ogni matrimonio, poi, il terrazzo è a disposizione dei novelli sposi per i festeggiamenti di rito con amici e parenti. Prenotazioni scrivendo a pinocchio@deejay.it.
Quando: tutti i giorni dalle 16.00 alle 19.00

«L’amore è il progetto più importante che c’è»

Tre domande con il direttore artistico Mario Viscardi

Milena Sicuro

Da dove nasce l’idea di portare l’amore come tema principale di un Festival?
«Ho in gestione un’agenzia che si occupa di organizzazione eventi – dal design alla moda – e un giorno, insieme ai miei collaboratori, ci siamo chiesti quale fosse il festival mancante. Abbiamo pensato a quello più importante di tutti, quello dedicato all’amore».

Di amore si può parlare in maniera così aperta?
«Pensiamo che di amore bisogna parlare sempre di più. Può essere un antidoto contro il cinismo ed il disincanto che sta invadendo la società di oggi. Vorremmo che questa simbiosi contaminasse più gente possibile».

Dopo la prima edizione al Base, quest’anno l’approdo in Triennale. Come mai?
«Lo scorso anno abbiamo invitato Stefano Boeri per presentare uno speech sull’amore. Da qui lui si è talmente innamorato del Festival da invitarci in Triennale per riproporlo. Qui è il tempio del progetto perfetto, dove l’amore è il progetto più importante che c’è».

IL MANIFESTO

L’amore come modello di vita.
E’ una vera missione: chi vive sentimenti e passioni forti ha il dovere, ora più che mai, di impollinare l’aria intorno. In ogni campo della nostra esistenza, chi costruisce, progetta, inventa, comunica e tutte le persone con una incontenibile sensibilità umana sono chiamate, senza limiti o distinzioni, a dire la loro sul sentimento più importante e determinante dell’essere umano.
Perché l’amore moltiplica le nostre energie, i nostri slanci.
Perché l’amore sensualizza tutto, accende tutto, vivifica tutto.
Perché l’amore alimenta e potenzia il senso di responsabilità e l’istinto di protezione.
Perché l’amore accresce la nostra attitudine a costruire tutte le combinazioni che creano vita.
Soltanto l’amore, la passione, i grandi sentimenti, possono sconfiggere il clima di cinismo, disincanto, risentimento e ostilità che sta inquinando le relazioni umane.
Perché l’amore deve vincere sempre.


www.mitomorrow.it

www.facebook.com/MiTomorrowOff/