17.9 C
Milano
27. 02. 2021 17:17

Fontana fa chiarezza sulla mail: «Abbiamo chiesto immediatamente il ricalcolo. Dov’è la notizia?»

Fontana non ci sta alle accuse lanciate dopo la pubblicazione della mail: la reazione

Più letti

M4, ci siamo: ecco quando verrà inaugurata la fermata di Linate

Le gallerie della M4 sono terminate e molte delle fermate sono già ultimate. Tra queste, come dimostrano le immagini...

Scuola, Gismondo: «È un bene primario essenziale, non togliamogliela»

Il primo segnale dell'aumento dei contagi in Lombardia sono state proprio le scuole. Nel giro di due settimane i...

Vaccini, Bertolaso: «La coperta non è corta: è un fazzoletto»

Nella corsa contro il tempo per vaccinare più persone possibili, Guido Bertolaso è fermamente convinto che dopo gli over...

Il governatore Fontana commenta la mail pubblicata ieri sera dal Tg3 e vista da molti come la prova dell’invio errato dei dati da parte della Lombardia.

Il commento. Sul proprio profilo Facebook il presidente lombardo chiarische che nella mail «la direzione Welfare si limita a rispondere a una richiesta di chiarimento avanzata dall’Istituto Superiore di Sanità al fine di risolvere il problema dei calcoli; a differenza di quello che si vorrebbe far emergere questa email non rettifica e non cambia i numeri standard precedentemente inviati».

Fontana sottolinea che non c’è nulla di insolito nella mail pubblicata. «Ieri sera è uscita una notizia incredibile! – aggiunge il governatore -. La Lombardia ha mandato un’email per chiedere il ricalcolo. Ma scusate, è una settimana che lo diciamo. Abbiamo chiesto il ricalcolo per uscire dalla zona rossa dal primo momento. Dov’è la notizia? Solo grazie alla nostra iniziativa la Lombardia oggi è zona arancione e molte attività hanno potuto riprendere. La vera notizia arriverà quando chiariranno come l’algoritmo elabora i dati standard giornalieri che stiamo mandando da 11 mesi».

In breve

Quanto tempo ancora passerà dall’ultimo concerto? Il grido d’aiuto dei live club

Una data simbolica. Il 27 febbraio. Già, perché un anno fa si procedeva alle prime chiusure dovute alla situazione...