25.4 C
Milano
17. 09. 2021 15:09

La Lombardia si sveglia in zona gialla. Fontana: «Dobbiamo superare il sistema dei colori. Sala batti un colpo»

Primo giorno di zona gialla, ma le polemiche non si placano...

Più letti

La Lombardia si sveglia in zona gialla, ma le polemiche non si placano. Da un lato le immagini viste ieri della folla sui Navigli, e dall’altro il continuo stuzzicarsi tra il sindaco Sala e il governatore Fontana.

Scontro. A lanciare i “primi sospetti” era stato proprio il primo cittadino che nella giornata di ieri a margine della celebrazione al Memoriale della Shoah aveva parlato di un ingresso positivo in zona gialla, ma anche della «necessità di dati certi».

In serata è arrivata la replica del presidente lombardo con un lungo post in cui prendeva di mira il sistema a “colori” con cui si regolano le settimane degli italiani.

«In attesa che il Tar del Lazio si pronunci sul tardivo passaggio della Lombardia in zona arancione – ha scritto Fontana – e confermi, come ne sono certo, le nostre ragioni, rilancio al sindaco di Milano, Beppe Sala – che oggi in termini generali si lamenta per l’incertezza dei dati – la proposta che intendo condividere con le Regioni. Una proposta che, mi auguro, trovi anche l’adesione dell’Associazione Nazionale dei Comuni d’Italia, a partire dai sindaci delle grandi città. Proponiamo insieme, in tempi rapidi, di modificare le attuali determinazioni in capo a Dpcm che confermo essere astrusi e incomprensibili. Lavoriamo insieme per fare in modo che, attraverso regole certe e controlli efficaci, venga superato questo sistema delle zone “a colori” che ogni settimana produce chiusure insensate e incomprensibili per la stragrande maggioranza dei cittadini e aperture sempre soggette a revisioni successive. Abbiamo bisogno di un sistema più stabile che sia chiaro sui comportamenti consentiti, con regole certe che consentano a cittadini e attività di programmare la propria vita in sicurezza. Sindaco Sala, se ci sei batti un colpo! E dichiara pubblicamente che sosterrai la proposta che la Lombardia intende sottoporre a quello che sarà il nuovo Governo».

La città. Con l’ingresso in zona gialla i sorvegliati speciali a Milano saranno i trasporti. Si continuerà con il piano di scaglionamenti provato già settimana scorsa. A differenza di allora, quando ancora non tutti gli istituti scolastici avevano riaperto, questa mattina tutte le scuole forniranno lezioni in presenza al 50%. L’obiettivo è arrivare gradualmente nei prossimi giorni al 75%.

«Siamo pronti ad arrivare al 75% di studenti in presenza», fa sapere Atm. I bus navetta dedicati alle scuole sono arrivati a 100 e in campo ci sono oltre 400 persone pronte a indirizzare gli studenti nei principali nodi di interscambio e alle principali fermate di superficie, indicando loro la possibilità di un bus dedicato a portarli in istituto.

Nel frattempo stasera alle 18 ci sarà un tavolo in Prefettura per valutare possibili criticità ed attuare validi correttivi nel caso ce ne fosse bisogno.

In breve

Green Pass, Pregliasco: «Meglio l’obbligo vaccinale»

Mentre il green pass è stato esteso anche ai lavoratori del privato, c'è chi chiede misure più severe da...