milano moda donna
milano moda donna

Da mercoledì 20 febbraio a lunedì 25, con il consueto prologo del martedì, la moda invaderà Milano con “Milano Moda Donna“. Per la gioia di albergatori, ristoratori, baristi, taxisti e commercianti, una delle settimane d’oro per gli incassi si preannuncia piena di incontri sparsi per la città anche se siamo ancora lontani da un autentico “Fuori Moda”, tanto per ricordare lo straordinario Fuorisalone che accompagna il Salone del Mobile.

Il mondo fashion viaggia ancora con il naso all’insù, forte della sua arroganza, probabile strategia che fa dell’inarrivabile il vero oggetto del desiderio. E allora ecco che alle 60 sfilate, 81 presentazioni, 33 eventi per un totale di 174 collezioni dove verrà presentata la moda del prossimo inverno 2019/2020, se non hai il fatidico cartoncino non entri manco se piangi.

Però sono già un fermento e un’eccitazione continui, l’atmosfera delle novità si tocca con mano, le indossatrici viaggiano con i loro book sotto braccio per l’intera settimana ed è tutto un bel vedere. Milano Moda Donna verrà inaugurata domani con una giornata dedicata agli eventi: ad aprire la Fashion Week lo special event di United Colors of Benetton con la direzione artistica di Jean-Charles de Castlebajac.

A concludere quest’edizione A Special Night to celebrate young Talent & to look to the Future, evento esclusivo organizzato dal Comune di Milano, Camera Nazionale della Moda Italiana e S.Pellegrino che sarà l’occasione per celebrare i giovani talenti presenti in calendario, alcuni young chef e l’importante anniversario dei 120 anni di S.Pellegrino.

«Questa edizione di Milano Moda Donna – spiega Carlo Capasa, Presidente di Camera Nazionale della Moda Italiana – rappresenta uno specchio della creatività con un calendario che permette ad ogni brand di esprimere la propria innovativa forma di comunicare e di raccontarsi. Grande attenzione verso i nuovi talenti e l’internazionalità, sono molti i brand presenti a Milano per la prima volta, grazie al nostro supporto. Sostenere i nuovi talenti è uno dei pillar di CNMI, accanto alla sostenibilità, per questo siamo molto contenti di supportare, tra le altre, le presentazioni di Gilberto Calzolari e Tiziano Guardini, vincitori rispettivamente nel 2017 e nel 2018 del premio “Franca Sozzani GCC Award”, a riprova della nostra leadership su questo impegno».

Per la prima volta in calendario le sfilate di Marco Rambaldi, giovane designer italiano, di Marios, brand nato dal genio creativo di Mayo Loizou e Leszek Chmielewsk, supportati da CNMI. E non dimentichiamo Alexandra Moura, stilista portoghese originaria di Lisbona. Tornano nel calendario milanese Angel Chen, Bottega Veneta con il debutto di Daniel Lee e Gucci.

Sfileranno CO-ED (uomo e donna) Antonio Marras, Atsushi Nakashima, Bottega Veneta, Byblos, GCDS, Giorgio Armani, Gucci, Missoni, Moncler, Roberto Cavalli, Salvatore Ferragamo. Grazie al protocollo d’intesa tra il Comune di Milano e CNMI, la Sala Cariatidi di Palazzo Reale sarà ancora una volta una delle location di Milano Moda Donna insieme allo Spazio Cavallerizze, parte integrante del Museo Nazionale della Scienza e della Tecnologia Leonardo da Vinci.

Grazie ad una collaborazione con la Camera di Commercio, un’altra delle location della Fashion Week sarà Palazzo Giureconsulti che ospiterà uno spazio polifunzionale dedicato a sfilate e presentazioni.

NUMERI

60 sfilate
81 presentazioni
33 eventi
174 collezioni


www.mitomorrow.it

www.facebook.com/MiTomorrowOff/