milano tattoo convention
milano tattoo convention

È uno degli appuntamenti più importanti della tattoo-art internazionale: giunta alla sua ventiquattresima edizione, anche quest’anno Milano Tattoo Convention si propone come una grande festa del tatuaggio, ma soprattutto punto d’incontro tra i migliori artisti del mondo che si daranno appuntamento da domani a domenica a Fieramilanocity.

Sono più di quattrocentocinquanta gli artisti, provenienti da tutto il mondo e in rappresentanza di ogni stile di tatuaggio. Ospiti d’onore della manifestazione sarà l’esponente italiana del movimento Suicide Girl, Riae Suicide. Seguitissima sui social (con più di cinque milione di followers su Instagram), sarà a disposizione del pubblico per i tre giorni in convention per foto e video con i fan.

A contorno dei tatuatori ci saranno musica, spettacoli e gli immancabili tattoo contest che premieranno i migliori lavori eseguiti durante la convention nelle varie categorie. Il riconoscimento più importante sarà il “Best of Show”, ovvero il miglior tatuaggio eseguito nella tre giorni.

Tra gli artisti annunciati, ci saranno anche Gakkinx, per la prima volta in Italia direttamente dal Giappone: i suoi tatuaggi, in stile blackwork, sono unici del suo genere. Si cimenterà in un full body in esclusiva per la Milano Tattoo Convention.

Fra gli altri si segnalano anche il maestro Horitoshi First, rappresentante internazionale del tatuaggio giapponese e realistico pittorico, l’inglese Jak Connolly, l’australiano Benjamin Laukis, che si è conquistato fama internazionale per il suo stile pittorico unico, pittore della locandina della Milano Tattoo Convention 2019.

E ancora: gli italiani Mambo, famoso in tutto il mondo per il suo stile, diventato in pochi anni uno dei punti di riferimento del tatuaggio moderno internazionale, Marco Matarese, con oltre vent’anni di studi artistici alle spalle, noto per i suoi tatuaggi tracciati tramite la tecnica dell’Etching (o acquaforte), Amanda Toy, con i suoi tatuaggi giocosi e coloratissimi, Matteo Pasqualin, dallo stile realistico in bianco e nero.

Sarà presente una mostra dedicata alla Storia del Tatuaggio nella quale saranno esposte le macchinette che hanno segnato la storia del settore dai primi del 1900 ai giorni d’oggi e un’esposizione di foto significative e di tavole originali antiche. Inoltre il Roma Tattoo Museum porterà parte della sua collezione permanente in esposizione alla Milano Tattoo Convention.

La mostra è stata creata nel tempo con un lavoro durato oltre trent’anni da un tatuatore appassionato che ha dedicato tutta la sua vita a questo mestiere. I rapporti ultratrentennali stabiliti con altri grandi collezionisti in tutto il mondo e con altri musei del tatuaggio, hanno permesso un continuo rinnovamento dell’esposizione rendendo il museo.

La collezione è considerata una delle più complete esistenti, in particolar modo per il fatto che tutti gli oggetti che ne fanno parte raccontano per intero tutti periodi storici più significativi della tradizione dal tatuaggio. Ulteriori info su milanotattooconvention.it.

«Il tatuaggio non ha bisogno di fretta»
I consigli di Roberto Borsi: «Cercate sempre qualità, igiene e professionalità»

Manuela Sicuro

Non è più una trasgressione ormai ma rappresenta un vero e proprio stile di vita. Tatuarsi non è più il sogno del ragazzino fuori dagli schemi ma è ormai quasi un’abitudine di molti, dalla studentessa all’impiegato, dal padre di famiglia alla casalinga, senza limiti di età, per incidere indelebile un momento, un avvenimento o il nome di una persona da non dimenticare mai.

Alla Milano Tattoo Convention ci sarà anche Roberto Borsi, uno degli “storici” della manifestazione, unico italiano in Fiera ad essere specializzato in tatuaggi tradizionali giapponesi.

Quali sono le attese per questa Convention?
«Come sempre sarà piena di esponenti di spicco a livello mondiale di tutti gli stili di tattoo. Ci saranno tatuatori che lavorano a mano provenienti dalla Nuova Zelanda, io sono l’unico occidentale che lavora su tatuaggi giapponesi, in questa edizione in particolare sarà presente anche il mio maestro dal Giappone e lavoreremo con una tecnica a mano che si chiama Tebori».

Anche i tatuaggi seguono la moda, qual è la tendenza di oggi?
«Restando in tema giapponese i fiori di ciliegio e le carpe ad esempio sono un evergreen. In fiera ci saranno tatuatori da tutto il mondo che fanno tatuaggi a mano o con la macchinetta. Certo, per ogni stile ci sono dei trend e dei soggetti che vanno per la maggiore. In questo momento stanno tornando i tribali degli anni ’80, il lettering con lettere complesse e piene di riccioli, oppure immagini sempre più vicine alla fotografia».

Da cosa possiamo riconoscere un buon tatuatore?
«Bisogna non avere fretta e cercare con cura il tatuatore che dovrà eseguire il lavoro che noi preferiamo, la pazienza è davvero fondamentale in questi casi, non bisogna essere affrettati, nè andare da persone che non sono professioniste. Ci sono kermesse come Milano Tattoo Convention dove si ha a disposizione il meglio e dove con calma si può cercare di capire se un tatuatore è orientato o no allo stile che vogliamo».

Che cos’altro?
«E’ fondamentale guardare il tatuatore all’opera, bisogna avere delle certezze prima di muoversi verso un passo così importante e indelebile».

Tre cose a cui dobbiamo fare attenzione?
«In generale quando si cerca un tatuatore bisogna stare attenti a tre cose fondamentali: cercare qualità, igiene e personalità del tatuatore che deve mettere il suo ingegno in quello che fa proprio come un artista».

Avete isolato chi non lavorava bene?
«Sì, sicuramente adesso ci sono i social che danno uno spettro ampio di quello che c’è a disposizione nel settore: è più difficile sbagliare. C’è sempre però l’incognita “dell’amico dell’amico” che magari lavora in una cantina con delle condizioni igieniche precarie e lì paghi per la qualità che poi hai».

Milano Tattoo Convention

Domani, dalle 14.00 alle 23.00
Sabato, dalle 12.00 alle 23.00
Domenica, dalle 12.00 alle 20.00

Fieramilanocity MiCo Milano Congressi
Ingresso Evento Gate 17
Via Gattamelata 10, Milano

Biglietti: giornaliero 25 euro, tre giorni 60 euro

milanotattooconvention.it


www.mitomorrow.it