7.2 C
Milano
06. 03. 2021 23:38

Sala sui test sierologici: «È bizzarro che Gallera li definisca inutili e poi li metta in commercio»

Il sindaco Sala chiede maggiore chiarezza sui test sierologici e sui dati che verranno utilizzati per valutare le nuove riaperture del 18 maggio

Più letti

Campagna vaccinale, anche le moschee offrono i loro spazi per le somministrazioni

Sulla scia di quanto già avvenuto in Inghilterra, anche le moschee italiane mettono a disposizione i propri spazi per...

Bollettino regionale, continua a crescere il tasso di positività: 1.450 contagi tra Milano e provincia

I positivi riscontrati nelle ultime 24 ore sono 5.658 con la percentuale tra tamponi eseguiti (58.505 oggi) e positivi...

La provocazione dell’ “artivista” Cristina Donati Meyer: la Darsena si tinge di fucsia

Una nuova provocazione dell' "artivista" Cristina Donati Meyer in occasione della Festa della Donna: la Darsena si colora di...

Nel consueto appuntamento con il format “Buongiorno Milano” il sindaco Sala riaccende il dibattito sui test sierologici.

Sanità. Il primo cittadino apre il classico discorso mattutino con un excursus storico sul ruolo delle regioni. «Nascono nel 1970 – racconta Sala -, ma solo nel 2002 vengono definiti i poteri grazie al titolo V. Il principale è la tutela della salute sul territorio».

Tutto questo per sottolineare quanto sia discordante tale principio con le dichiarazioni dell’assessore al Welfare Gallera sui test sierologici. «È bizzarro che i test siano affidati a privati e vengano venduti a 63 euro – sottolinea Sala -. Così com’è bizzarro che Gallera solo qualche giorno fa li definisse inutili ed ora invece li mette in commercio».

Chiarezza. Il primo cittadino si rivolge direttamente al presidente lombardo e al ministro della Salute. «Fontana e Speranza – si domanda Sala – fate chiarezza sull’efficacia di questi test?».

Il tema dei test si collega irrimediabilmente anche alle possibile riaperture anticipate al 18 maggio. «Rivolgo ancora una domanda a Fontana – conclude Sala -. Ha dichiarato che valuteremo se riaprire in base ai risultati dei test epidemiologici. Ma quali sono questi dati?».

 

In breve

La provocazione dell’ “artivista” Cristina Donati Meyer: la Darsena si tinge di fucsia

Una nuova provocazione dell' "artivista" Cristina Donati Meyer in occasione della Festa della Donna: la Darsena si colora di...