17.9 C
Milano
27. 02. 2021 16:43

Scuola, troppe iscrizioni e pochi posti disponibili: a Milano si rischiano classi pollaio

A Milano sono partite le iscrizioni ai licei per il prossimo anno, ma è già tutto sold out

Più letti

M4, ci siamo: ecco quando verrà inaugurata la fermata di Linate

Le gallerie della M4 sono terminate e molte delle fermate sono già ultimate. Tra queste, come dimostrano le immagini...

Scuola, Gismondo: «È un bene primario essenziale, non togliamogliela»

Il primo segnale dell'aumento dei contagi in Lombardia sono state proprio le scuole. Nel giro di due settimane i...

Vaccini, Bertolaso: «La coperta non è corta: è un fazzoletto»

Nella corsa contro il tempo per vaccinare più persone possibili, Guido Bertolaso è fermamente convinto che dopo gli over...

La scuola a Milano non ha soltanto riaperto alle porte, ma anche le segretarie sono tornate a lavorare a pieno regime. Fino alle 20 di questa sera i genitori avranno la possibilità di iscrivere i propri figli ai licei, ma purtroppo si sta concretizzando il rischio di overbooking: pochi posti e troppe richieste.

La situazione. I licei scientifici sono stati presi d’assalto. Nel più grande di Milano, il Virgilio, il bilancio su cinque indirizzi è di 600 domande per 370 posti. Inoltre i presidi chiedono di ridurre i numeri di alunni per classe per poter rispettare le norme anti-Covid. «Per formare una prima bisogna avere minimo 27 studenti: un numero eccessivo, con le norme Covid, costringerebbe gli studenti a seguire le lezioni a turni», spiega Mauro Zeni, dirigente al Tenca.

Situazione di sovraffollamento un pò ovunque: al Volta subito esauriti i 250 posti disponibili. Al Cremona sessanta esuberi. E tutto esaurito anche al Bottoni e al Marcon. «A Milano, l’offerta è striminzita e la domanda cresce — sintetizza il preside del Virgilio, Roberto Garroni —. Propongono questo indirizzo anche il Tenca, l’Agnesi, il Frisi. Ma non basta, lo abbiamo segnalato a Città Metropolitana».

In breve

Quanto tempo ancora passerà dall’ultimo concerto? Il grido d’aiuto dei live club

Una data simbolica. Il 27 febbraio. Già, perché un anno fa si procedeva alle prime chiusure dovute alla situazione...