22 C
Milano
18. 09. 2020 12:09

Mission Bambini, sostegno allo studio per 400 bambini in contesti disagiati

Barenghi: «Attenzione al gap tecnologico e sociale»

Più letti

Milano si candida ad ospitare il G20 della Salute

La presidente della Commissione europea Ursula von der Leyen ha annunciato che il G20 della Salute si terrà nel...

#strongertogether, Milano e Firenze unite con la ripartenza delle fiere della moda

La Milano della moda riparte. O almeno prova a farlo. Alleandosi con Firenze. Con l'hashtag #strongertogether, le due città...

Al Pime c’è il Congressino

19 e 20 settembre torna l'annuale e tradizionale Congressino del PIME (via Mosè Bianchi 94 a Milano), con laboratori...

Parte da Milano un progetto di sostegno allo studio di Fondazione Mission Bambini, realtà che da vent’anni opera ogni giorno per sostenere l’infanzia in difficoltà. Potenziamento della strumentazione informatica e sostegno psicologico per 400 bambini e ragazzi delle scuole primarie e secondarie di primo grado nei contesti svantaggiati di Bruzzano, Comasina, Niguarda e Maciachini.

 

 

Il senso. Laptop, tablet, cellulari, schede telefoniche, pc con connessione a Internet per le famiglie in difficoltà che hanno l’esigenza e l’urgenza di gestire i compiti a casa ma non sono in grado di dotarsi della strumentazione necessaria, il tutto arricchito da un servizio di assistenza da remoto di operatori della fondazione. Qualcuno potrebbe chiedersi: perché ora, in piena emergenza coronavirus?

La risposta è che è proprio in questo periodo rischiano di acuirsi le fragilità delle famiglie, innescando un’emergenza nell’emergenza: i bambini e le famiglie in condizioni di disagio socioeconomico non possono frequentare come fanno abitualmente i centri di aiuto allo studio, spesso l’unica barriera all’addio ai banchi, e fermare l’intervento educativo può penalizzare ulteriormente chi vive già una condizione di disagio, con costi sociali enormi per un’intera generazione di studenti e per le comunità. Senza dimenticare che la carente digitalizzazione di alcuni contesti svantaggiati e l’insicurezza o addirittura la paura dettata dall’isolamento forzato possono avere pesanti ricadute psicologiche, da gestire nell’immediato, ma anche a emergenza finita.

Agire. Serve, insomma, agire e farlo ora. Il progetto di potenziamento della strumentazione informatica e sostegno psicologico, avviato ora a Milano, sarà esteso a breve anche nei quartieri più difficili di altre città dove Mission Bambini è già presente, come Torino, Padova, Napoli e Catania. Attivata su retedeldono.it anche una campagna di raccolta fondi. Il titolo? Covid-19: l’educazione non si ferma. Imperativo presente e sguardo al futuro.

Mission bambini
Mission bambini

«Aumentata la diffidenza verso gli stranieri» Barenghi: «Attenzione al gap tecnologico e sociale»

«La stragrande maggioranza delle raccolte fondi in questo momento sono giustamente concentrate sull’emergenza sanitaria – spiega a Mi-Tomorrow Alberto Barenghi, responsabile Progetti di Fondazione Mission Bambini –: noi che abbiamo un focus, soprattutto in Italia, sull’educazione, riteniamo importante e doveroso ragionare sul gap formativo e, quindi, sull’impatto sociale che questa situazione può provocare, colpendo in particolare bambini più fragili, già a rischio d’insuccesso scolastico e che alla ripresa delle lezioni potrebbero trovarsi davanti una montagna difficilissima da scalare».

Mission Bambini: l’intervista ad Alberto Barenghi

Siamo in una società iperconnessa e già da tempo si riflette se ciò aumenti le possibilità d’inclusione o, viceversa, rischi di allargare la forbice sociale: cosa ne pensate, alla luce anche dell’attualità?
«La situazione in cui tutti sono connessi ha fatto emergere fragilità forti delle famiglie su questo tema: sembra scontato che tutti a casa abbiano a casa un pc, un tablet e una connessione a Internet; in realtà, l’emergenza di queste settimane ha fatto emergere situazioni di carenza di strumenti: ecco perché, accanto a centri di studio e scuole, stiamo rispondendo ai bisogni delle famiglie, caso per caso».

Alberto Barenghi
Alberto Barenghi

C’è il rischio concreto che si acuiscano le distanze tra le famiglie e, di conseguenza, tra bambini e ragazzi e il mondo della scuola?
«Sì, il rischio c’è. Al di là del digital divide, un elemento che abbiano notato è che è aumentata la diffidenza nei confronti degli stranieri: se già prima la situazione non era rosea, questo virus arrivato da lontano, dalla Cina ha peggiorato il quadro e, a emergenza finita, temo si dovrà lavorare molto e con cura per ricucire il tessuto sociale, ripartendo non da 0, ma da -1, -2».

Il tutto in un Paese, l’Italia, dove, secondo una recente indagine di Mani Tese, 1 bambino su 7 è a rischio abbandono scolastico. Si pensa sia solo un problema del Sud: c’è da preoccuparsi anche a Milano e in Lombardia? «A Milano sicuramente la situazione non è così evidente come può esse are Napoli e Catania, ma anche qui è un problema che va affrontato, facendo rete con le istituzioni. Abbiamo una forte presenza a Milano, specie nel Municipio 9, dove, tra il 2016 e il 2019, abbiamo realizzato il progetto 9+, finanziato da Fondazione Cariplo, che si è occupato anche del tema della dispersione scolastica con progetti dedicati a ragazzi a rischio di abbandono».

In breve

Al Pime c’è il Congressino

19 e 20 settembre torna l'annuale e tradizionale Congressino del PIME (via Mosè Bianchi 94 a Milano), con laboratori...

#strongertogether, Milano e Firenze unite con la ripartenza delle fiere della moda

La Milano della moda riparte. O almeno prova a farlo. Alleandosi con Firenze. Con l'hashtag #strongertogether, le due città si uniscono dal 19 al...

Al Pime c’è il Congressino

19 e 20 settembre torna l'annuale e tradizionale Congressino del PIME (via Mosè Bianchi 94 a Milano), con laboratori per ragazzi, animazioni, musica, presentazioni...

«Diamo spazio al lacrosse» uno sport di nicchia, ma che in Italia porta già grandi risultati

Dalla sua versione indoor è nato l’hockey su ghiaccio, ma unisce anche i principi del basket e calcio. È stato anche alle Olimpiadi, come...

Dieci per la StraWoman

Nonostante tutte le difficoltà legate alla pandemia, StraWoman raggiungerà la fatidica edizione numero dieci con tre tappe organizzate a Milano, Bergamo e Monza Brianza. L'evento...

Potrebbe interessarti