6.2 C
Milano
07. 03. 2021 02:54

Torre Aurora: non lasciamo che l’orrore ci pervada

La Torre che proprio non piace ai milanesi: il racconto nel nostro editoriale

Più letti

Campagna vaccinale, anche le moschee offrono i loro spazi per le somministrazioni

Sulla scia di quanto già avvenuto in Inghilterra, anche le moschee italiane mettono a disposizione i propri spazi per...

Bollettino regionale, continua a crescere il tasso di positività: 1.450 contagi tra Milano e provincia

I positivi riscontrati nelle ultime 24 ore sono 5.658 con la percentuale tra tamponi eseguiti (58.505 oggi) e positivi...

La provocazione dell’ “artivista” Cristina Donati Meyer: la Darsena si tinge di fucsia

Una nuova provocazione dell' "artivista" Cristina Donati Meyer in occasione della Festa della Donna: la Darsena si colora di...

La Torre Aurora, complesso residenziale costituito da due blocchi lineari e una torre in zona ex Fiera e Portello, è in via di spacchettamento e quelle che finora si palesavano facinorosamente come subdole impressioni non possono adesso che trovare conferma.

Per restituire il sentire popolare su questo progetto curato dagli studi Calzoni e Nicolin è sufficiente leggere i commenti sui blog e sulle pagine a tema. I più fantasiosi paragonano l’intervento in bianco minimal (sempre più di tendenza) alle costruzioni di Islamabad, capitale del Pakistan.

Quel che è certo, dettagli tecnici a parte, è che simili costruzioni si facevano decenni fa, mentre il quartiere in cui oggi Aurora si inserisce con una certa strafottenza fonda la sua particolarità (e il suo successo) su un concetto estetico innovativo.

A Milano il nuovo tira, figuriamoci poi in una zona così di pregio. Conta la fame di appartamenti. E la città, vorace come non mai, la accoglie con una certa noncuranza. Senza volerne necessariamente fare il simbolo della cattiva architettura, ché sarebbe come sparare a bersaglio già in ginocchio, non è futile ricordare che pur in un’epoca di rassicurante relativizzazione la bellezza tale resta, sempre, a valicare le epoche.

È sufficiente passeggiare per le vie di Porta Magenta e Porta Vercellina, Città Studi e Porta Romana, la Senavra e Brera, ma anche Porta Nuova e CityLife, per rendersene conto.

L’architettura è una vocazione: non lasciamo che l’orrore ci pervada. Non lasciamo che l’assuefazione al brutto ci contamini. Buona vita alla nostra Aurora, che abbia la forza di resistere alle vessazioni come fa da più di sessant’anni la magnifica Velasca.

In breve

La provocazione dell’ “artivista” Cristina Donati Meyer: la Darsena si tinge di fucsia

Una nuova provocazione dell' "artivista" Cristina Donati Meyer in occasione della Festa della Donna: la Darsena si colora di...