28.3 C
Milano
22. 05. 2022 20:15

Elezioni in Lombardia 2023: Sala pronto alla sfida con Fontana?

L'attuale governatore pronto a ricandidarsi, il sindaco di Milano verso il grande salto?

Più letti

Si avvicinano le elezioni in Lombardia 2023 e nel centrodestra vicina la ricandidatura di Attilio Fontana, nel centro sinistra il segretario del Partito Democratico, Enrico Letta, spinge per avere l’attuale sindaco di Milano, Beppe Sala.

Elezioni in Lombardia 2023, Attilio Fontana pronto al bis

L’attuale governatore Attilio Fontana, dunque, pare pronto ad offrire il bis in vista delle elezioni in Lombardia 2023. Sciolte, dunque, quelle riserve che dovevano primariamente essere sciolte ad inizio marzo, rimandato poi più volte dall’attuale governatore che ha pensato molto ad un suo possibile futuro anche al di fuori della politica. Invece, a quanto pare, Attilio Fontana è pronto a dire sì nuovamente alla ricandidatura. Certo, c’è concorrenza anche all’interno dello stesso centrodestra, con Letizia Moratti che ci spera ancora, ma alla fine quest’ultima potrebbe prendere il volo verso Roma e una poltrona importante a livello nazionale, lasciando libero sfogo al Fontana – bis. 

fontana zona gialla

Cosa succederà nel centrosinistra

Ora rimane da chiedersi: cosa succederà nel centrosinistra? Le elezioni comunali a Milano avevano visto la coalizione stravincere soprattutto per mancanza di alternative sul fronte opposto, ma la ricandidatura di Attilio Fontana potrebbe avere tutto un altro peso. Partito Democratico e Movimento Cinque Stelle sperano nell’ipotesi Beppe Sala, anche se appare assai difficile che l’attuale sindaco di Milano possa dare risposta affermativa. In alternativa è pronto Bruno Tabacci, attuale sottosegretario di stato alla presidenza del Consiglio del Governo Draghi, con delega alla programmazione e coordinamento economico, già presidente della Regione Lombardia dal 17 luglio 1987 al 31 gennaio 1989. 

Modificare la legge elettorale nazionale in chiave proporzionale

Sul tavolo della discussione, comunque, c’è anche l’ipotesi di modificare la legge elettorale nazionale in chiave proporzionale. Nel centrodestra Fontana avrebbe già deciso per il sì, ma ci sono da una parte le perplessita della Lega. Dall’altra Fratelli d’Italia, che vuole il sì di Lega e Forza Italia per la ricandidatura di Nello Musimeci in Sicilia. Insomma, la situazione appare ancora ingarbugliata ma gestibile; se così non fosse, le alternative a Fontana potrebbero essere Massimo Garavaglia e Giancarlo Giorgetti, oltre alla già citata Letizia Moratti. E nel centrosinistra il Movimento Cinque Stelle ha già detto no alla candidatura dell’economista Carlo Cottarelli, ma se a livello nazionale decollasse una riforma elettorale in chiave proporzionale l’opzione Bruno Tabacci in Lombardia potrebbe sedurre anche parte dell’area moderata.

In breve

Milano, al Giambellino arrivano i lampioni smart contro rifiuti e soste irregolari

Una nuova ed impensabile nuova arma per contrastare i furbetti dei rifiuti: a Milano, per la precisione al Giambellino,...