16.6 C
Milano
27. 02. 2021 12:53

Quando la protesta si trasforma in solidarietà: l’iniziativa del ristorante “Mexicali” di viale Bligny

C'è chi ha aderito alla protesta #ioapro in maniera alternativa: il racconto

Più letti

Sala annuncia la terza ondata: «Diciamoci la verità: certi comportamenti potevamo evitarli»

Il sindaco Sala ha lanciato un video messaggio per invitare i milanesi alla prudenza e a mantenere un comportamento...

Quanto tempo ancora passerà dall’ultimo concerto? Il grido d’aiuto dei live club

Una data simbolica. Il 27 febbraio. Già, perché un anno fa si procedeva alle prime chiusure dovute alla situazione...

Milano, scoperto un enorme sito archeologico sotto il vecchio parcheggio “Sanremo”

A Milano in via Zecca Vecchia è stato scoperto un sito archeologico dalle dimensioni enormi: 3.800 metri quadrati in...

La protesta #ioapro non è stata solo un’occasione per far sentire la propria voce trasgredendo le regole, almeno per il ristorante Mexicali di viale Bligny dietro la bocconi. I titolari hanno aderito alla campagna, ma ieri sera hanno preferito riservare il loro locale ai senzatetto. Così hanno preparato una cena per 25 persone in difficoltà.

La vicenda.  Gli invitati sono tutti habituè del Pane Quotidiano, i quali purtroppo sono costretti a mettersi in fila ogni giorno per un piatto caldo. Tra loro c’è un ex operaio edile senza lavoro, un divorziato diventato clochard, un lavoratore dell’Idroscalo e anche un anziana signori che vive in un minuscolo monolocale alla Barona.

«Aderiamo alla protesta #ioapro ma lo facciamo a modo nostro. Vogliamo pensare a chi sta peggio», racconta il titolare Arkadi Urbinati. Il titolare e lo staff hanno apparecchiato 25 coperti sui tavoli di legno e il copione si ripete nel locale gemello della stessa proprietà in viale Ortles: altre venticinque cene per chi ha bisogno.

Nachos e salsine d’antipasto, pasta al pomodoro oppure al pesto, hamburger al sangue, verdure buonissime: un menù semplice, ma che certamente avrà portato sollievo a tante persone almeno per una sera.

In breve

Quanto tempo ancora passerà dall’ultimo concerto? Il grido d’aiuto dei live club

Una data simbolica. Il 27 febbraio. Già, perché un anno fa si procedeva alle prime chiusure dovute alla situazione...