2.8 C
Milano
05. 12. 2020 10:06

Scena Unita, la musica non si può fermare: il fondo per salvare il mondo dello spettacolo

Gli artisti si uniscono per salvare il mondo dello spettacolo: la solidarietà del fondo Scena Unita

Più letti

Treni stracolmi e nessun distanziamento: l’odissea dei pendolari verso Milano

La giornata di ieri si è contraddistinta per il ritorno dei ritardi sulle linee ferroviarie. Era ormai da tempo,...

Vaccini antinfluenzali, Fontana scrive alla Procura: «I miei dirigenti temono le vostre inchieste»

Sembra un paradosso, ma non è nient'altro che realtà. Il governatore Fontana scrive alla Procura per l'acquisto dei tanti...

Bollettino regionale, continua la discesa tra i reparti ospedalieri: Milano, +580

I positivi riscontrati nelle ultime 24 ore sono 4.533, di cui 453 “deboli”, con la percentuale tra tamponi eseguiti (42.276...

Il mondo degli artisti si mobilita a favore dei lavoratori più fragili, in particolare per tutto quell’universo abituato a lavorare dietro le quinte con pochissime tutele. Sono proprio loro i più colpiti da questa emergenza sanitaria. Per far fronte a questo particolare momento è stato creato un fondo ad hoc chiamato “Scena Unita”.

Il progetto. L’obiettivo di “Scena Unita” è di dare un concreto e immediato aiuto ai lavoratori del mondo dello spettacolo colpiti duramente ed impossibilitati ad operare e, al contempo, sostenere progettualità che determinino una ripartenza del settore. A gestire il Fondo la Cesvi, un’organizzazione umanitaria laica ed indipendente.

«L’operazione di Scena Unita rappresenta per noi di Cesvi un’importante – dichiara Gloria Zavatta, presidente di Cesvi -. Con Scena Unita, vogliamo sostenere una nuova emergenza sociale che vede emergere nuove povertà nelle famiglie che hanno un lavatore nel mondo della musica, gravemente danneggiato dal lockdown. Un mondo che ci ha dato tanto e che ha bisogno, più che mai, del sostegno di tutti noi per ripartire».

scena unita

A sostegno dell’iniziativa ci sarà un vero e proprio collettivo di artisti. Tra loro spiccano Fedez, Shade, Gianni Morandi, Gianna Nannini, Achille Lauro, Calcutta, Achille Lauro, Eugenio in Via di Gioia. Ci sono anche Maria De Filippi, Paolo Bonolis, Fiorello, Amadeus, Sabrina Ferilli.

«Non è una mia iniziativa – ha dichiarato Fedez sottolineando l’importanza del lavoro collettivo -, tutti questi artisti non hanno dormito giorno e notte per fare qualcosa che fosse d’aiuto. È fondamentale raccontarla come un atto collettivo, un’opera di coesione. Se ci fossi stato solo io, non avrebbe avuto la stessa valenza».

A finanziare il progetto ci saranno due colossi come Amazon Prime Video e Banca Intesa, che hanno già donato rispettivamente 1 milione di euro e 250mila euro. Chiunque potrà donare attraverso la piattaforma di crowdfunding ForFunding.it.

In breve

Dalla Bicocca un algoritmo per stabilire chi dovrà fare per primo il vaccino anti-Covid

Chi farà per primo il vaccino anti-Covid? A stabilirlo potrebbe essere un algoritmo capace di indicare nomi e cognomi...

Vaccini antinfluenzali, Fontana scrive alla Procura: «I miei dirigenti temono le vostre inchieste»

Sembra un paradosso, ma non è nient'altro che realtà. Il governatore Fontana scrive alla Procura per l'acquisto dei tanti chiacchierati vaccini antinfluenzali. Il motivo?...

Bollettino regionale, continua la discesa tra i reparti ospedalieri: Milano, +580

I positivi riscontrati nelle ultime 24 ore sono 4.533, di cui 453 “deboli”, con la percentuale tra tamponi eseguiti (42.276 oggi) e positivi che sale...

Il manifesto sul portone del sindaco. Sala: «Non do torto agli studenti»

Un manifesto rosso con scritto «A Natale regalate la scuola».  Ecco cosa si è trovato davanti casa sua questa mattina il sindaco Sala, il...

Movida Delivery, dal maritozzo del maestro Massari all’aperitivo di qualità

Con i ristoranti chiusi, non resta che ordinare le prelibatezze offerte da Milano direttamente a casa. Ecco la selezione di Mi-Tomorrow dei migliori delivery. SAPORI...

Potrebbe interessarti