-1.2 C
Milano
29. 11. 2021 09:28

Coronavirus, ecco come cambia l’identikit del contagiato

Durante la seconda ondata sono cambiate le caratteristiche dei malati Covid: i dati

Più letti

Cambia l’identikit del malato Covid. Se fino a pochi mesi fa le principali vittime erano gli anziani, ora i contagiati si concentrano nella fascia di età compresa tra i 40 e i 50 anni.

Motivazioni.  Con lo scoppio della prima ondata e le tanti morti dei primi mesi, gli anziani sono stati “educati” allo stare a casa. La campagna di sensibilizzazione su questo punto sembra aver funzionato ed anche i dati dimostrano quanto la curva dei contagi tra gli over 70 sia diminuita negli ultimi mesi.

In compenso la riapertura delle scuole e il ritorno in ufficio di molti lavoratori ha permesso che il virus si trasmettesse tra le fasce d’età più giovani. A complicare il quadro poi la spensierata estate con il ritorno della movida rimasta attiva fino a poche settimane fa. Le dinamiche del contagio si sono così spostate nell’ambito familiari: i giovani spesso asintomatici contagiano i propri genitori.

malati coronavirus
f

Ad affermarlo anche il primario di Rianimazione del Policlinico, Andrea Gori: «Ora curiamo tanti 50-60enni perché il contagio, dopo la riapertura delle scuole, avviene in ambito familiare».

Ats evidenzia con i grafici anche altre percentuali: durante il primo lockdown più del 50 per cento dei malati aveva oltre 65 anni, mentre i giovani fino a 18 anni sono rimasti tra 0 e 5 per cento fino alla fine di aprile. Poi le proporzioni si sono invertite: gli over 65 sono diminuiti fino al 20- 25% dei casi, mentre la curva dei contagiati da zero a 18 anni è salita fino al 20 per cento alla fine dell’estate ed è ancora in ascesa in questi giorni, tanto da aver raggiunto quella dei nonni.

In breve

Terza dose in Lombardia: 90mila nuovi appuntamenti per prenotare la dose “booster”

La campagna vaccinale prosegue: sono stati messi a disposizione 90.000 nuovi appuntamenti per prenotare la terza dose in Lombardia. Terza...