8.9 C
Milano
05. 03. 2021 10:30

Covid, Crisanti: «Avanti con le Regioni a “colori” fino ad ottobre»

Il virologo fa il punto della situazione epidemiologica: le dichiarazioni

Più letti

Sala attacca la Regione: «Con tutti gli errori fatti dovrebbero essere più umili»

Il sindaco Beppe Sala ha esspresso rammarico per le modalità con cui Regione Lombardia ha decretato il passaggio in...

San Siro, assembramenti pre derby: scattano le prime multe

I momenti pre derby della Madonnina erano stati caratterizzati da assembramenti fuori San Siro: migliaia di tifosi nerazzurri e...

Primo giorno di arancione rinforzato: cosa cambia per i milanesi?

La Lombardia si sveglia in zona arancione rafforzata. Ma cosa cambia rispetto alla classica zona arancione? Scuola. La principale differenza...

Il direttore del Laboratorio di microbiologia e virologia dell’Azienda ospedaliera di Padova, Andrea Crisanti, ha parlato dell’importanza delle suddivisione in fasce di rischio del nostro Paese.

Le dichiarazioni. «Andremo avanti con le zone fino a che non ci sarà l’impatto del vaccino – ha dichiarato Crisanti durante la trasmissione radiofonica “Un giorno da pecora” -, quindi verso settembre-ottobre. D’estate dovremo essere più cauti rispetto allo scorso anno, speriamo di poter andare in spiaggia. La suddivisione in zone ci lascerà in questa situazione intermedia, con questo numero di casi e di 300 morti al giorno circa, numeri un po’ più bassi che vedremo tra un paio di settimane».

Tornando all’estate Crisanti afferma che «se sono chiusi cinema, bar e teatri non si capisce perché dovrebbero esser aperte le spiagge. Perché le spiagge sono all’aperto? Anche le discoteche erano all’aperto. Ma se faranno le zone anche questa estate, non si porrà il problema. Ora sono chiusi bar e ristoranti e infatti i contagi sono diminuiti».

In breve

San Siro, assembramenti pre derby: scattano le prime multe

I momenti pre derby della Madonnina erano stati caratterizzati da assembramenti fuori San Siro: migliaia di tifosi nerazzurri e...