15.8 C
Milano
06. 05. 2021 12:23

Covid, Galli: «Teniamo chiuso fino a Pasqua per non fare la fine della Sardegna»

Il professor Galli invita ancora una volta alla cautela

Più letti

Il professor Massimo Galli, direttore del Reparto di Malattie Infettive dell’ospedale Sacco, invita tutti alla prudenza nonostante si parli di un miglioramento della curva epidemiologica.

Le dichiarazioni. «Voglio essere ottimista per l’estate – ha dichiarato Galli durante la trasmissione Agorà -. Per le prossime settimane dovremo avere pazienza e cautela, è un dato di fatto. L’ondata epidemica è in marcia e bisogna capire fin dove si è estesa, anche per quanto riguarda le varianti».

Nessun allentamento in vista quindi per Pasqua. «Non c’è assolutamente alcun dubbio in proposito. È anche la lezione della Sardegna – aggiunge il virologo -.Il conseguimento di determinati risultati che non hanno il tempo di consolidarsi fa sì che basti poco e pochi giorni perché tutto di nuovo si ribalti e si vada dal bianco al colorato. Per non arrossire poi tutti quanti di vergogna, sarà importante che politici e consiglieri scientifici, e lo dico una volta per tutte, facciano in modo che i risultati vadano consolidati».

L’esperto indica il vaccino come strumento fondamentale, ma lancia anche una frecciatina alla regione Lombardia. «Gli anziani – ha continuato Galli -, davanti all’oggettivo fallimento di alcune Regioni del sistema di convocazione, hanno avuto problemi e sono sotto-vaccinati. L’importanza di immunizzare gli anziani sta nel garantire loro la possibilità di superare il rischio di questa malattia ma anche di garantire la tenuta del sistema sanitario. Sarebbe stato necessario capire prima che bisognava cambiare la musica. Andare dietro alla Germania, poi, sulla questione AstraZeneca, prima di avere evidenze, non è stata una grande prova di leadership».

 

 

 

In breve

Milano, voglia di prima casa: il Recovery spinge i mutui

Non c’è ancora l’effetto “rimbalzo” dopo le dichiarazioni di Mario Draghi relative alle misure a sostegno dei giovani che...