12.7 C
Milano
16. 05. 2021 07:50

Covid, buone notizie dal Sacco: si riducono gli accessi al pronto soccorso

Il primario di terapia intensiva racconta la situazione all'interno dell'ospedale

Più letti

A testimoniare che la terza ondata abbia raggiunto il suo picco ci sono anche i numeri che arrivano dai pronto soccorso di Milano. «Il dato più positivo delle ultime ore è la riduzione dell’afflusso di pazienti in Pronto Soccorso – ha confermato a Sky Tg 24 Emanuele Catena, primario del reparto di terapia intensiva del Sacco – . È l’elemento per noi più importante perché ci lascia prevedere nelle prossime settimane un’ulteriore decelerazione della curva dei ricoveri».

La situazione. Nonostante i segnali rincuoranti non è ancora il momento di abbassare la guardia. «Abbiamo avuto un weekend difficile – ha spiegato – con tanti ricoveri in terapia intensiva anche a livello regionale, ma questo non deve essere interpretato con eccessivo pessimismo. È possibile che nelle prossime settimane, nella settimana di Pasqua, si assista a una stabilizzazione della situazione e all’inizio di un generale miglioramento. C’è un iniziale rallentamento, ci auguriamo tutti che sia questo il trend dei prossimi giorni».

I posti occupati in terapia intensiva destano però ancora preoccupazione. «Noi abbiamo 28 letti di terapia intensiva occupati, siamo quasi al massimo delle nostre possibilità – ha aggiunto Catena -, i pazienti ricoverati, ovviamente, sono estremamente critici. Abbiamo varianti inglesi prevalenti e due pazienti con la variante brasiliana e la mortalità in terapia intensiva rimane elevata, intorno al 35-40%, non tanto lontano dalla mortalità della prima e della seconda ondata».

In breve

Brera a portata di click: un’app per scoprire la Pinacoteca (e non solo)

Far scoprire ai milanesi e agli appassionati di arte tutti i segreti, le curiosità e la storia della Pinacoteca...